martedì, Gennaio 31, 2023
Disponibile su Google Play
HomeGossipRooming in, luci e ombre della pratica raccomandata alle mamme per l'allattamento

Rooming in, luci e ombre della pratica raccomandata alle mamme per l’allattamento

Piovono critiche social sulla pratica ospedaliera del Rooming In, da quando un neonato ha perso la vita per soffocamento in ospedale, dopo che la madre – stremata dalla stanchezza post parto – si è addormentata dopo l’allattamento con il piccolo a fianco e coprendolo inavvertitamente con il proprio corpo. Una storia con dettagli ancora da chiarire, ma che ha scosso l’opinione pubblica, suscitando grande solidarietà nei confronti di una mamma in difficoltà che, per responsabilità non ancora accertate, ha perso il suo bambino. Perché di addormentarsi per «sfinimento», quando si allatta un neonato, è successo praticamente a tutte. E a tutte sarebbe potuto capitare il peggio. Per evitarlo, quando ci si sente «in crisi» e bisognose d’aiuto, è fondamentale poter contare sul supporto di qualcuno. Quello che sembrerebbe essere mancato nel caso di questa mamma, «costretta» al Rooming in, nonostante la sua richiesta di sostegno.

Ma che cos’è esattamente il Rooming in e perché viene raccomandato alle mamme che allattano? «Letteralmente significa “in stanza” ed è una pratica introdotta sulla base dei modelli UNICEF e OMS per i numerosi benefici che prevede la vicinanza di mamma e bambino fin da subito, durante la degenza ospedaliera», spiega l’ostetrica e divulgatrice sanitaria Alessandra Bellasio.

Perché viene adottato da tantissimi ospedali italiani, quali benefici comporta?
«Il rooming in è stato introdotto come opportunità per mamma e bambino di beneficiare di numerosi vantaggi scientificamente dimostrati, come minori livelli di pianto del bambino e miglior avvio dell’allattamento al seno. Inoltre, questa pratica offre la possibilità alla mamma di mettersi alla prova nella cura del piccolo prima del rientro a casa, usufruendo della supervisione del personale specializzato. Perché il rooming in sia un’esperienza positiva e arricchente dovrebbe prevedere la presenza del partner o di un’altra persona di fiducia che possa collaborare con la neomamma alla cura del piccolo, prestandole assistenza laddove necessario». 

Devono usufruirne tutte le puerpere, oppure ci sono casi in cui può non essere praticato?
«Le realtà che offrono la pratica del rooming in dovrebbero offrire un’alternativa laddove necessario, garantendo la temporanea presa in carico del bambino in attesa che la madre si senta pronta ad assumersene la cura. Si può infatti presumere che questa pratica sia benefica laddove la neomamma sia nelle condizioni fisiche e psicologiche di occuparsi del bambino, potrebbe non accadere ad esempio dopo un parto lungo e difficile oppure dopo un taglio cesareo».

Che cosa succede se una mamma mostra delle criticità a riguardo?
«È fondamentale accogliere le criticità della neomamma e fare tutto il possibile per ripristinare il suo stato di benessere psicofisico perché possa occuparsi al meglio di se stessa e del suo bambino».

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews