mercoledì, Febbraio 1, 2023
Disponibile su Google Play
HomeScienzaUn raggio laser che fa da parafulmine

Un raggio laser che fa da parafulmine

Il fulmine è uno dei fenomeni naturali più estremi. Si tratta di una brusca scarica elettrostatica di milioni di volt di e centinaia di migliaia di ampere, che può scatenarsi in una singola nuvola, tra più nuvole, tra una nuvola e il suolo e viceversa. Tanto affascinanti quanto distruttivi, i fulmini sono responsabili di più di 4 mila morti all’anno e di danni per diversi miliardi di euro.

Il parafulmine. I dispositivi di protezione dai fulmini sono cambiati poco dal 1752, quando Benjamin Franklin inventò il parafulmine, ovvero un palo appuntito e conduttivo fatto di metallo collegato al suolo. L’asta tradizionale è ancora oggi la forma più efficace di protezione esterna: protegge una superficie con un raggio più o meno uguale alla sua altezza: poiché l’altezza quest’ultima è inevitabilmente limitata, non si tratta di un sistema ottimale per proteggere siti sensibili su grandi aree, come aeroporti, un parchi eolici o centrali elettriche.

Ora un consorzio europeo guidato dall’Università di Ginevra e dall’École Polytechnique di Parigi, in collaborazione con una serie di aziende, ha deciso di affrontare il problema e sembra aver trovato una soluzione. I risultati, pubblicati su Nature Photonics, sono le conclusioni di un lavoro realizzato su un dispositivo noto chiamato Laser Lightning Rod (LLR).

Il plasma che attira. Attraverso il raggio genera canali di aria ionizzata, in grado di guidare i fulmini lungo il suo percorso. E poiché il raggio laser si può estendere di molto verso l’alto, rispetto ad un parafulmine tradizionale, aumenta notevolmente l’altezza di “cattura” del fulmine e così cresce la superficie dell’area che il dispositivo può proteggere. «Quando nell’atmosfera vengono emessi impulsi laser di altissima potenza, all’interno del raggio si formano filamenti di luce molto intensa», spiega Jean-Pierre Wolf, professore ordinario presso il Dipartimento di Fisica Applicata dell’Università di Ginevra e autore dello studio. «Questi filamenti ionizzano le molecole di azoto e ossigeno nell’aria, le quali rilasciano elettroni, liberi di muoversi», continua il professor Wolf. «Questa aria ionizzata, plasma, diventa un conduttore elettrico che richiama il fulmine».

Il progetto Laser Lightning Rod ha comportato lo sviluppo di un nuovo laser con una potenza media di un kilowatt. L’asta è larga 1,5 metri, lunga 8 e pesa più di 3 tonnellate; è stata progettata dal produttore di laser scientifici Trumpf. Questo sistema è stato testato nell’estate 2021 sulla vetta del Säntis (in Appenzello, nel nord est della Svizzera, a quota 2.502 metro) già “utilizzato” in passato per osservare i fulmini.

Il laser è stato posto sopra una torre trasmittente di 124 metri d’altezza appartenente al fornitore di telecomunicazioni Swisscom, che era dotata di un tradizionale parafulmine. Questa è una delle strutture più colpite dai fulmini in Europa.

Fulmini

Due fotogrammi di un fulmine catturati da fotocamere ad alta velocità situate in due diverse località. L’immagine del raggio laser è stata sovrapposta successivamente, fotografata a cielo sereno.
© Jean-Pierre Wolf et al.

E ora? Ci è voluto quasi un anno per analizzare l’enorme quantità di dati raccolti. Questa analisi mostra ora che il laser LLR può guidare efficacemente i fulmini. Il professor Wolf spiega inoltre: «Abbiamo scoperto che la scarica poteva seguire il raggio per quasi 60 metri prima di raggiungere la torre, il che significa che aumentava il raggio della superficie protetta da 120 metri a 180 metri». L’analisi dei dati dimostra anche che l’LLR, a differenza di altri laser, funziona anche in condizioni meteorologiche difficili, come la nebbia (spesso presente in cima al Säntis), poiché perfora letteralmente le nuvole.

Questo risultato era stato precedentemente osservato solo in laboratorio. Il prossimo passo per il consorzio sarà aumentare ulteriormente l’altezza dell’azione del laser. L’obiettivo a lungo termine prevede l’utilizzo del LLR per estendere l’area protetta a un raggio di 500 metri.

scienza /scienze/fulmini-a-ciel-sereno”>

Fotogallery
Fulmini a ciel sereno

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews