mercoledì, Febbraio 1, 2023
Disponibile su Google Play
HomeMusicaMorto David Crosby, baffi e capelli lunghi di una rivoluzione chiamata folk...

Morto David Crosby, baffi e capelli lunghi di una rivoluzione chiamata folk rock

Ascolta la versione audio dell’articolo

Se nell’America degli anni Sessanta l’idea di Rivoluzione avesse avuto un volto, su quel volto ci sarebbero stati i capelli lunghi e i baffi da ranchero di David Crosby. Nessuno meglio del cantante, autore e chitarrista losangelino – morto a 81 anni dopo una lunga malattia di cui pochi erano al corrente – ha incarnato la smisurata creatività, l’idea situazionista di libertà e l’attivismo meravigliosamente confuso di quell’epoca. Non Abbie Hoffman che del Movimento fu un po’ il capo politico, non il guru delle droghe psichedeliche Timothy Leary e nemmeno Bob Dylan senza il quale Crosby, probabilmente, avrebbe fatto un altro mestiere. Forse perché Crosby era Hoffman, Leary e Dylan messi insieme, l’uomo di cui, per essere veramente parte del Movimento, dovevi ascoltare le parole. Se soltanto si fosse ricordato il suo nome.

David Crosby in un’esibizione del 2012 (Reuters)

Uno con il tutto

Ha fondato e sciolto band con disinvoltura sopraffina. Creando generi, inventando tendenze, regalandoci canzoni memorabili. Ha preso posizione una volta in più di quanto sarebbe stato necessario, sperimentato sostanze, praticato libero amore. Che significava essere uno con il Tutto, come Hölderlin, ma un paio di secoli più tardi. E in California: scusateci, ma non è un dettaglio banale. Figlio di Floyd Crosby, direttore della fotografia molto popolare a Hollywood, premio Oscar per Tabù di Friedrich Murnau, da ragazzino faceva parte di un coro: dove credete che abbia imparato a fare le armonie vocali così bene? Si avvicinò al folk e cominciò a scrivere canzoni, poi sulla Sunset Strip scoprì la musica dei Beatles e incontrò ragazzi come lui che venivano da altre parti d’America, Roger McGuinn e Gene Clarke.

The Byrds: Crosby è il primo a sinistra

Byrds, la via del folk rock

Da qui la pazza idea di fare folk utilizzando le chitarre elettriche, il linguaggio dei Beatles: i Byrds e quel fulminante esordio intitolato Mr. Tambourine Man nacquero così. Bob Dylan non poté non innamorarsene, tanto più che il loro repertorio gli pagava bei soldi di diritti d’autore. Crosby, che sul palco indossa una mantellina da menestrello, regala al progetto perle sofisticate come Everybody’s Been Burned e Mind Gardens. Avevano inventato il folk rock e non se ne erano accorti, così come non sapevano di essere il primo supergruppo della storia: formazione aperta, tutti per uno e ognuno per sé. Ci si prende e ci si lascia, perché è l’epoca del libero amore. Curioso che l’avventura di Croz coi Byrds si sia conclusa per Triad, una sua canzone che parlava di «fare le cose a tre», giudicata troppo osé da McGuinn.

Crosby, Stills, Nash & Young in un’esibizione del 2000 (Afp)

Crosby, Stills, Nash e l’epoca di Laurel Canyon

Pazienza: Croz ha intanto incrociato il texano Stephen Stills dei Buffalo Springfield e il britannico Graham Nash degli Hollies e con loro fonda il primo supergruppo che sa di esserlo, una specie di Internazionale canzonista. Crosby, Stills & Nash (1969) è un disco epocale, il loro set a Woodstock una delle cose che più lasciarono il segno nel festival che più ha lasciato il segno, Croz vi contribuisce con la rabbia di Long Time Gone, la melodia sbilenca di Guinnevere e quelle armonie vocali che tutti provarono a copiare. Si apre così l’epoca di Laurel Canyon, il posto di Los Angeles sulle cui colline dovevi vivere, se volevi essere parte di quella «cosa» che stava succedendo, sotto gli occhi ammirati di tutto il mondo. Una scena di cui Crosby era instancabile animatore.

Scopri di più
Scopri di più

Da sinistra Young, Crosby, Nash e Stills sul palco nel 1970

Se soltanto potessi ricordarmi il mio nome

Tutto è aperto nella controcultura americana dei primi anni Settanta. CSN non fanno eccezione: condividono canzoni, dischi, palchi, donne, droghe. Si allargano a quartetto con il supporto del canadese Neil Young, vecchia conoscenza di Stills ai tempi dei Buffalo Springfield, e costruiscono monumenti come Déjà vu (1970) o il live 4 Way Street (1971). Ognuno porta avanti i suoi progetti solisti cui gli altri tre collaborano e Croz, nel 1971, pubblica If I could only remember my name, tra gli album più importanti di quel decennio. Provateci voi ad ascoltare l’epica Cowboy Movie senza commuovervi. Condividono tutto e, qualche volta, litigano: così nasce il duo Crosby & Nash (1972) cui gli altri due sodali, quattro anni più tardi, risponderanno con la Stills-Young Band.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews