mercoledì, Febbraio 1, 2023
Disponibile su Google Play
HomeCulturacos'è, benefici e possibili rischi per mamma e neonato

cos’è, benefici e possibili rischi per mamma e neonato

Rooming-in, una pratica che permette a mamma e neonato di stare insieme 24 ore al giorno in ospedale: cerchiamo di capirne i benefici e i rischi.

Il rooming-in è una pratica in cui la madre e il neonato condividono la stessa stanza nei primi giorni dopo il parto, rimanendo quindi insieme 24 ore su 24. Questa forma di assistenza è stata introdotta negli ospedali negli anni ’70 ed è ancora oggi molto diffusa come modo per promuovere l’allattamento al seno e migliorare la relazione tra madre e figlio.

Questa pratica presenta molti benefici per entrambi, ma ci sono anche alcuni casi in cui possono esserci più rischi che altro. Cerchiamo di capire bene cos’è, come funziona e perchè non bisogna imporla a tutte le madri indistintamente.

Rooming-in, cos’è e benefici

Come abbiamo detto, con il termine rooming-in si intende la pratica per cui, subito dopo il parto, il neonato rimane nella stessa stanza della mamma 24 ore al giorno. Ci sono molti benefici per la madre e il bambino con questa forma di assistenza. Per la madre, può aiutare a promuovere l’allattamento al seno, poiché è in grado di rispondere immediatamente alle richieste del neonato di nutrirsi. Inoltre, in questo modo la mamma è in grado di monitorare la salute e il benessere del bambini, avendolo sempre sotto controllo.

Molte madri infatti non riescono a stare tranquille se non hanno il bambino perennemente tra le braccia o comunque sotto sorveglianza. Inoltre, grazie a questa pratica la mamma può sviluppare una maggiore fiducia nella propria capacità di prendersi cura del proprio figlio e il neonato potrà sviluppare i suoi orari di sonno e veglia senza dover sottostare a quelli dell’ospedale.

Anche per il neonato i benefici sono molteplici: il rooming-in può aiutare a promuovere una maggiore stabilità emotiva e migliorare lo sviluppo del sistema immunitario. Inoltre, essendo sempre vicino alla madre, può sentirsi più sicuro e protetto. È comunque importante ricordare di non dormire mai con il bambino (co-sleeping) essendo una delle pratiche più pericolose per il neonato. Nel rooming-in il neonato sta nel letto con la madre solamente durante l’allattamento, per poi essere spostato in un lettino a parte.

In sintesi, nella maggior parte dei casi questa pratica promuove e migliora fin da subito il rapporto tra la neomamma e il suo neonato, ma non è sempre così.

I possibili rischi del rooming-in

Nonostante i benefici, esistono alcuni rischi che possono derivare dal rooming-in. Sopratutto per le madri che hanno subito un parto difficile o che hanno bisogno di tanto riposo per recuperare, può essere controproducente avere il bambino nella stessa stanza tutto il giorno. Questo infatti preclude in tutti i modi un giusto riposo per recuperare energie sia fisiche che mentali, e questo potrebbe peggiorare il rapporto con il neonato.

Questo ha come conseguenza diretta che alcune madri potrebbero sentirsi stressate o sovraccariche dalla responsabilità di prendersi cura del bambino 24 ore su 24. Per questo motivo il rooming-in non è assolutamente obbligatorio, anzi, rimane sempre una scelta autonoma della madre se praticarlo o no.

In generale, il rooming-in è una pratica sicura e benefica per la maggior parte delle madri e dei bambini. Tuttavia, è importante che le madri siano informate dei potenziali rischi e che siano supportate adeguatamente dalle infermiere e dal personale sanitario, in modo che possano prendere una decisione informata su se praticare o meno il rooming-in.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews