martedì, Gennaio 31, 2023
Disponibile su Google Play
HomeGossipRifiuta le nozze combinate, una 13enne denuncia i genitori che la obbligavano...

Rifiuta le nozze combinate, una 13enne denuncia i genitori che la obbligavano anche a chiedere l’elemosina

A casa riceveva calci e pugni, dormiva per terra, era obbligata a chiedere l’elemosina e, ad appena 13 anni, era già pronta secondo, i genitori, a nozze combinate. Succede a Roma dove la ragazzina protagonista di questa storia ha denunciato i genitori che sono stati arrestati.

«Ho tentato il suicidio più volte, mi vergognavo a chiedere soldi fuori dal supermercato frequentato dalle mie insegnanti e dai genitori dei compagni di scuola» ha raccontato ai poliziotti del commissariato San Basilio. Ora è in una struttura protetta. Questa ragazza di origine bosniaca viveva con 12 fratelli, lei è la quinta, in una casa popolare.

I genitori, 41 e 36 anni, la costringevano a chiedere l’elemosina davanti a un supermercato non lontano dalla scuola che avrebbe dovuto frequentare. A chi l’ha accolta e aiutata ha detto che voleva solo andare a scuola. Invece i genitori pretendevano che portasse a casa almeno 50 euro al giorno altrimenti le toccavano botte, insulti e violenze con cavi elettrici e tubi su schiena e volto. L’avevano rasata a zero perché si era rifiutata di sposare uno sconosciuto in cambio di soldi. «Me lo dicono da quando ho 11 anni. Gli ho detto che se succede mi butto dal balcone, e loro mi hanno risposto che prima devono incassare e poi posso pure farlo». Sono stati i genitori dei compagni di scuola e gli insegnanti ad aiutarla.

Il padre è in carcere, la madre ai domiciliari. Sono accusati di riduzione in schiavitù e lesioni gravi. Si indaga anche su possibili maltrattamenti sui fratelli. Nel racconto della ragazza, riportato da Corriere della Sera ci sono bagni punitivi con l’acqua bollente a bambini di 10 e 11 anni o con colpi sferrati con le doghe del letto. Nelle ordinanze con le misure cautelari si parla di «una vita di stenti, uno stato di soggezione continuativo senza che potesse far valere il suo disagio nel mendicare in un luogo frequentato dai suoi insegnanti e dai genitori dei suoi compagni di scuola e il suo desiderio di frequentare la scuola». Per la ragazza sono arrivate altre violenze e botte «per evitare l’intervento dei servizi sociali e delle forze dell’ordine, e mantenerla in uno stato di soggezione per sfruttarne l’accattonaggio».

Altre storie di Vanity Fair che ti possono interessare:

– Violenza e femminicidio, l’esperta: «Anche i più insospettabili possono perdere il controllo»

– Il femminicidio non è un «dramma della gelosia»: le parole sono importanti

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews