mercoledì, Febbraio 1, 2023
Disponibile su Google Play
HomeNotizieLe Borse di oggi, 25 novembre. Mercati Ue deboli in chiusura. Bankitalia:...

Le Borse di oggi, 25 novembre. Mercati Ue deboli in chiusura. Bankitalia: “Rischi aumentati ma Italia solida”

Borse Ue deboli, future di Wall Street misti

Le Borse europee sono rimaste sostanzialmente invariate, mentre gli investitori hanno digerito i dati sulla crescita tedesca e sulla fiducia dei consumatori e aspettano l’apertura di Wall Street, oggi a ranghi ridotti per il Black Friday.
Al giro di boa, Francoforte sale dello 0,07%, Londra dello 0,28%, Parigi dello 0,19% e Madrid dello 0,11%. Milano segna un +0,12%. L’economia tedesca è cresciuta poco più di quanto inizialmente previsto nel III trimestre, con il Pil a +0,4%  invece del +0,3% della prima lettura. Su base annua, il Pil tedesco è cresciuto dell’1,2% nel periodo, un netto rallentamento rispetto alla crescita dell’1,7% registrata nello stesso trimestre di un anno fa, quando la più grande economia europea aveva ancora slancio dalla riapertura post-Covid. Anche l’indice sul clima dei consumatori tedesco GfK ha mostrato alcuni segnali di miglioramento, per il secondo mese consecutivo, salendo a -40,2, ma restando ancora vicino al suo minimo storico.

Si preannunci un avvio in ordine sparsoa Wall Street, con i future sul Dow Jones e sullo S&P 500 che virano in positivo rispettivamente a +0,22% e +0,15%. I future sul Nasdaq cedono lo 0,18%. La Borsa americana ieri è rimasta chiusa per la festività del Thanksgiving Day, mentre oggi i listini viaggiano a mezzo servizio per il Black Friday, il giorno che dà inizio al maggior periodo di vendite per l’industria retail americana. Tutti e tre gli indici sono sulla buona strada per registrare guadagni di oltre l’1% nel corso della settimana, dopo che i verbali dell’ultima riunione della Federal Reserve hanno rafforzato le aspettative che i funzionari della banca centrale accetteranno di rallentare il ritmo della stretta monetaria a dicembre. Ad aiutare il sentiment è anche la notizia che la Banca centrale cinese ha nuovamente allentato la politica monetaria, tagliando il coefficiente di riserva obbligatoria per la maggior parte delle banche di 25 punti base, nel tentativo di sostenere la sua economia in difficoltà.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews