mercoledì, Febbraio 1, 2023
Disponibile su Google Play
HomeMangiareCentrale del Latte di Roma in cerca di soci dopo l’uscita di...

Centrale del Latte di Roma in cerca di soci dopo l’uscita di Parmalat

Ascolta la versione audio dell’articolo

Restituzione spontanea del 75% delle proprie quote e ritiro di tutta la produzione a marchio a partire dal gennaio 2023. È la strada che Parmalat (gruppo Lactalis) intende intraprendere rispetto alla Centrale del Latte di Roma, dopo che la Cassazione ha condannato l’azienda – da anni in contenzioso con il Campidoglio – a restituire 23 anni di dividendi.

Già dalla scorsa estate – dicono i sindacati – alcuni prodotti core, come Zymil, sono stati trasferiti nei siti di Bergamo e Piana di Monte Verna, e la disdetta di tutta la produzione porterà a una contrazione dei volumi prodotti nella Centrale del Latte romana del 40%.
A partita chiusa con Parmalat, si procederà alla riassegnazione delle quote tramite bando: al momento – stando a fonti interne – sono pervenute dichiarazioni di interesse da parte di Finlatte e di Latte Sano.

La querelle sulla Centrale del Latte di Roma va avanti da anni: ceduta nel 1998 alla Cirio di Sergio Cragnotti che a sua volta (a solo un anno dall’acquisto) si trovò costretto a cedere il gruppo alla Parmalat di Calisto Tanzi, fu oggetto nel 2012 di una sentenza del Consiglio di Stato, che dichiarò nulla la vendita avvenuta quattordici anni prima e che proclamò come unico proprietario legittimo il Comune.
Ma il Campidoglio non ha mai fatto valere il diritto di proprietà, in attesa della sentenza definitiva sulla titolarità delle quote. In assenza di contestazioni è rimasta quindi a Parmalat, che ha sempre fatto valere il suo 75 per cento.
Tra udienze e pronunce giurisdizionali, si è arrivati a oggi. La manifestazione proclamata dai sindacati per la giornata del 22 novembre a Roma è rientrata dopo le rassicurazioni fornite dal capo di gabinetto del sindaco Gualtieri. Il Comune ha ribadito ai sindacati che l’uscita di Parmalat sarà graduale e di aver diffidato l’azienda dall’intraprendere azioni dannose.
Si è fatto garante sulla tenuta occupazionale e, all’interno del Consiglio di amministrazione, sulle dinamiche produttive e commerciali. L’interlocuzione dunque è ripresa, nonostante ci sia un altro ricorso pendente presentato dalla controllata di Lactalis dopo l’ultima sentenza di Cassazione. Un tavolo di confronto permanente permetterà di monitorare la situazione.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews