mercoledì, Febbraio 1, 2023
Disponibile su Google Play
HomeMisteroHa rivelato il vero significato della mummificazione dei corpi nell'antico Egitto

Ha rivelato il vero significato della mummificazione dei corpi nell’antico Egitto

Esperti del Museo dell’Università di Manchester nel Regno Unito hanno spiegato perché gli antichi egizi mummificavano effettivamente i morti.

È stato a lungo creduto che la mummificazione avesse lo scopo di preservare i morti. Si scopre che l’idea è completamente sbagliata.

Quindi, in che modo esattamente questo malinteso è fiorito per così tanto tempo? Price ha affermato che l’idea guidata dall’Occidente è iniziata con i ricercatori vittoriani che hanno erroneamente stabilito che gli antichi egizi stavano preservando i loro morti in modo simile a come si conservano i pesci. Il loro ragionamento? Entrambi i processi contenevano un ingrediente simile: il sale.

“L’idea era di conservare il pesce per mangiarlo in un momento futuro”, ha detto Price. “Quindi, hanno presunto che ciò che veniva fatto al corpo umano fosse lo stesso del trattamento per i pesci”.

Correlati: Centinaia di mummie e piramidi di una regina sconosciuta rinvenute vicino alla tomba di Tutankhamon

Tuttavia, la sostanza salata utilizzata dagli antichi egizi era diversa dal sale utilizzato per conservare il pescato del giorno.

Come hanno scoperto gli scienziati, quando mummificavano i corpi, gli egiziani usavano il minerale natron, che era ricco nel limo di un lago vicino al fiume Nilo. Con lo stesso minerale i sacerdoti purificavano le statue degli dei.

Inoltre, durante la mummificazione veniva usato l’incenso, che veniva usato per fumigare i templi.

Se metti insieme questi fatti, diventa chiaro che nell’antico Egitto il processo di mummificazione era necessario per divinizzare il defunto. E le viscere estratte dal corpo preparavano il corpo alla trasformazione in una “statua divina”.

Quindi, in che modo esattamente questo malinteso è fiorito per così tanto tempo? Price ha affermato che l’idea guidata dall’Occidente è iniziata con i ricercatori vittoriani che hanno erroneamente stabilito che gli antichi egizi stavano preservando i loro morti in modo simile a come si conservano i pesci. Il loro ragionamento? Entrambi i processi contenevano un ingrediente simile: il sale.

“L’idea era di conservare il pesce per mangiarlo in un momento futuro”, ha detto Price. “Quindi, hanno presunto che ciò che veniva fatto al corpo umano fosse lo stesso del trattamento per i pesci”.

Correlati: Centinaia di mummie e piramidi di una regina sconosciuta rinvenute vicino alla tomba di Tutankhamon

Tuttavia, la sostanza salata utilizzata dagli antichi egizi era diversa dal sale utilizzato per conservare il pescato del giorno.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews