mercoledì, Novembre 30, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiarePer il vino green ampi margini di crescita: una spinta arriva dalle...

Per il vino green ampi margini di crescita: una spinta arriva dalle certificazioni

Ascolta la versione audio dell’articolo

La sostenibilità per il settore del vino è una scelta ineludibile che non è messa in discussione dall’attuale congiuntura fatta da rincari dei costi produttivi che erodono i margini delle imprese e dall’inflazione che invece penalizza Il potere d’acquisto delle famiglie. Anzi, una congiuntura difficile come l’attuale pone le basi per un’ulteriore accelerazione e salto di qualità.

È quanto è emerso nei giorni scorsi a Milano, nell’ambito del Simei, il salone delle tecnologie per vino e bevande all’incontro promosso da Valoritalia (l’organismo unico di accreditamento degli enti di certificazione su qualità, biologico e sostenibilità) “Il futuro del vino è sostenibile”.

«Siamo di fronte a una congiuntura complessa – ha spiegato il responsabile agroalimentare di Nomisma, Denis Pantini – nella quale il commercio mondiale di vino rallenta, nei volumi più che nei fatturati che invece sono sostenuti dalla variabile prezzi. Ma se si guarda al mix di prodotto emergono le prime sorprese: a crescere in Italia sono i vini di fascia medio alta grazie alla fortissima ripresa del turismo e quindi del canale della ristorazione. Si stima che nel 2022 nel nostro Paese ci siano state 35 milioni di presenze straniere contro i 16 del 2021. In questo quadro i vini bio e sostenibili non hanno perso terreno».

Secondo le indagine condotte da Nomisma tra produttori e consumatori, i vini green sono considerati fattori di successo futuro per i produttori e più salubri dai consumatori. Anche se questa percezione è più forte all’estero, in particolare nel Nord Europa che in Italia. «Nei paesi scandinavi – continua Pantini – già esistono scaffali dedicati a questa categoria e sempre più spesso la certificazione di sostenibilità è leva di accesso su quei mercati. Ma c’è ancora un significativo spazio di crescita: vini biologici e sostenibili oggi in Italia rappresentano meno del 2% del mercato. Sono mediamente conosciuti dai consumatori, ma ancora poco acquistati».

Secondo l’indagine effettuata da Nomisma-Wine Monitor sui mercati di Italia e Germania i vini biologici sono conosciuti dall’87% dei consumatori italiani ma acquistati solo dal 35%. In Germania invece i vini biologici sono conosciuti dal 73% dei consumatori ma acquistati dal 22%. Andamento più lento per i vini sostenibili che in Italia e in Germania sono rispettivamente conosciuti dal 64 e dal 72% dei consumatori ma poi all’atto pratico sono comprati solo dall’8% degli acquirenti in Italia e dal 4% in Germania. Gli spazi per una forte crescita ci sono tutti quindi,

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews