mercoledì, Novembre 30, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareLidl deve distruggere i suoi coniglietti di cioccolato: troppo simili a quelli...

Lidl deve distruggere i suoi coniglietti di cioccolato: troppo simili a quelli di Lindt

Il tribunale federale svizzero ha deciso: i coniglietti della LIdl sono troppo simili a quelli della Lindt.

  • Dissapore
  • Notizie
  • Lidl deve distruggere i suoi coniglietti di cioccolato: troppo simili a quelli di Lindt

Avete presente i coniglietti di cioccolato incartati con un packaging dorato e un nastrino rosso al collo? Sì? Se li associate al marchio Lindt, sappiate che il Tribunale la pensa esattamente come voi, tanto da aver costretto la catena di discount Lidl a smettere di vendere i suoi e a distruggere tutti gli esemplari già esistenti, proprio perché troppo simili a quelli dell’azienda cioccolatiera svizzera.

La sentenza arriva dal Tribunale Federale svizzero, che ha accolto la richiesta di Lindt & Sprüngli, che nel 2018 aveva portato davanti alla corte il marchio di supermercati tedesco, sostenendo che i coniglietti di cioccolato venduti nei discount del gruppo fossero troppo simili ai suoi, tutelati da marchio registrato. Inizialmente il Tribunale del commercio del canton Argovia, a cui si era rivolta l’azienda svizzera, aveva respinto l’azione legale, ma la situazione si è totalmente ribaltata a favore di Lindt oggi, con la sentenza del Tribunale Federale, che ha deciso che il coniglietto dorato è sostanzialmente uno e uno solo.
coniglietto lidl

Per arrivare a questa conclusione, il Tribunale si è avvalso di un sondaggio d’opinione, che ha dimostrato come la maggior parte dei consumatori associ quel prodotto al marchio Lindt. Dunque, anche se i due coniglietti avevano qualche minima differenza, c’era l’effettivo rischio di trarre in inganno il consumatore. Così ora Lidl dovrà non solo smettere di vendere i suoi coniglietti, ma anche distruggere tutti gli esemplari già esistenti nei magazzini. Ovviamente – ha suggerito il tribunale – il cioccolato non deve andare sprecato, ma può essere sciolto e riutilizzato per creare nuovi prodotti. Chessò, un gattino, per esempio.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews