mercoledì, Novembre 30, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareLa pizza è di destra, se gourmet è di sinistra: cosa ci...

La pizza è di destra, se gourmet è di sinistra: cosa ci racconta il sondaggio di Uber Eats

La sinistra è poco popolare pure se la paragoniamo alla pizza, stando al sondaggio gastro-politico di Uber Eats, davvero curioso.

  • Dissapore
  • Ristoranti
  • La pizza è di destra, se gourmet è di sinistra: cosa ci racconta il sondaggio di Uber Eats

Peccato: se questo sondaggio di Uber Eats fosse uscito prima delle elezioni (o meglio avesse avuto prima questa diffusione) ci saremmo risparmiati tanti mal di pancia, e tanti test su TikTok per decidere cosa votare. I programmi elettorali qui li abbiamo spulciati uno a uno – da quello di Giorgia Meloni a quello del PD, passando per Lega, Azione, M5S e Forza Italia – ma si sa, non è con la testa che si vota: è con la pancia. E allora: il cibo calorico è di destra, la frutta invece è di sinistra / la pizza margherita è di destra, se gourmet è di sinistra (c’è chi l’ha letto cantando e chi mente). Facile, no? Bastava vedere cosa mettiamo in tavola, o ritrovare gli scontrini del supermercato, per capire se votare a destra o a manca (certo poi il problema successivo sarebbe stato quello di rintracciare una formazione di sinistra sulla scheda elettorale, ma questo è altro discorso).

Quello tra cibo e politica è un rapporto complesso e fecondo di suggestioni, e il sondaggio lo indaga da più punti di vista. Per esempio: quali sono i cibi che vengono associati alla politica in generale? Quelli basilari: pasta, pizza, dolci, gelato. Insomma è vero, la politica è tutta un magna magna.

Poi entriamo nello specifico delle appartenenze e degli orientamenti: destra, centro, sinistra. Se guardiamo ai regimi alimentari, gli italiani associano alla destra una dieta ipercalorica, alla sinistra quella fruttariana: è una destra che ricorda assai quella craxiano-berlusconiana, edonista e strafottente della salute; mentre alla sinistra più che una preoccupazione per l’ambiente o la salute, viene attribuita la più estrema e penitenziale delle diete, ci manca solo il cilicio. E al centro? Dieta vegana: mah. 

Non sorprende che per gli intervistati la sinistra sia incline alla cucina etnica, mentre destra e centro propendano per quella italiana: decenni di battaglie contro i kebab hanno lasciato il segno. Se guardiamo i cibi, la pizza margherita è di destra, davanti a spaghetti e burger. Al contrario, in cima alla classifica degli alimenti di sinistra c’è il cibo etnico (così, generico), medaglia d’argento parallela agli spaghetti, e al terzo posto il panino, però gourmet. Secondo Uber Eats questa visione “rovescia gli stereotipi”, ma io non ne sarei così sicuro: ci arriviamo tra un attimo.

Infine alla questione su dove s’immagina preferirebbe mangiare un politico, gli italiani vedono quelli di destra bene al fast food o al ristorante (torna l’approccio spensierato e godereccio), quelli di sinistra che ordinano a domicilio o cucinano a casa. L’immagine insomma è quella dell’intellettuale col calzino bucato che pilucca un sushi veg davanti a Netflix, o che se proprio si deve alzare dal divano, a quel punto si mette ai fornelli (dicendo magari con una certa spocchia: vuoi provare la vera carbonara? Te la faccio io). 

Esistono stereotipi classici, e stereotipi contemporanei: ma sempre stereotipi rimangono. Certo è che, nel discorso pubblico che va dalle urne alla tavola, il rovesciamento delle categorie merceologico-ideologiche non cessa di stupirci: per cui adesso povero/ignorante/semplice/grezzo/paesano/popolare è diventato di destra e ricco/sofisticato/gourmet/ricercato/internazionale/elitario è di sinistra. Un ribaltamento che è avvenuto, se non nella realtà, almeno nella testa della gente: ma la gente poi vota, appunto.

La cosa interessante, però, viene anche dal metodo con cui è stata condotta quest’analisi: che non è un vero è proprio sondaggio, ma una modalità nuova, basata – come tutto ormai – dal dragaggio di dati su internet. Si chiama WOA (Web Opinion Analysis), e la stessa Uber Eats così la spiega: “Si tratta di uno screening della rete compiuto monitorando blog, forum e i principali social network – Facebook, Twitter, YouTube – con l’intento di captare come gli utenti web si pongono rispetto a un determinato tema. La griglia dei campi di indagine ha aggregato in macro-risposte gli interventi degli utenti sull’argomento di fondo, filtrando la grossa mole di informazioni reperite al fine di ridurle all’essenziale ed essere lavorate per i soli fini analitici che l’indagine propone”.

Insomma è un po’ come quei sondaggi in cui non si chiede all’elettore cosa vota ma secondo lui quale partito vince: questa analisi non mette in correlazione l’appartenenza politica e le preferenze gastronomiche reali, ma quelle presunte. Non emerge cosa mangia chi vota a destra e cosa mangia chi  vota a sinistra, ma cosa pensano, cosa scrivono sul web, le persone a proposito di cibo e politica. In definitiva ne esce fuori che, banalmente, gli italiani ritengono che il cibo tradizionale/classico sia di destra e quello nuovo/strano di sinistra. Il festival del pregiudizio insomma: se mai ci fosse stato bisogno di ribadire che siamo un popolo di conservatori, sia a tavola sia nell’urna elettorale, ecco la conferma è arrivata.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews