mercoledì, Novembre 30, 2022
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaVi è una mancanza di personale qualificato nel Web3, affermano importanti figure...

Vi è una mancanza di personale qualificato nel Web3, affermano importanti figure del settore

In Australia, gli studiosi e gli educatori del mondo blockchain vorrebbero un più robusto programma sul Web3 nelle scuole, così da preparare gli studenti a un mondo che sarà dominato dalla tecnologia blockchain.

Huxley Peckham, Head Trainer di Blockchain Academy International, ha dichiarato che  oggigiorno ci sono “pochissime persone qualificate nel settore blockchain, ma anche una grande richiesta di personale competente,” sottolineando che esistono già almeno 60 settori che fanno uso della tecnologia blockchain.

Sia Peckman che il fondatore di Blockchain Academy International, Tim Bowman, hanno affermato che bisognerebbe espandere l’istruzione blockchain nelle scuole e preparare le nuove generazioni ai cambiamenti in corso nell’economia mondiale:

“[Una migliore educazione in campo blockchain] consentirà alla prossima generazione di strateghi e consulenti di uscire dalle scuole con una reale comprensione di questa industria. [Sapere come applicare questa tecnologia] migliorerà notevolmente le loro carriere.”

Ha suggerito che la blockchain è un settore redditizio in cui entrare: alcuni posti di lavoro in questa industria permettono di guadagnare “300.000 dollari australiani all’anno, più incentivi.”

Chris Berg, co-direttore del Blockchain Innovation Hub della RMIT University, ha dichiarato che è fondamentale che gli studenti abbiano un’idea “di come funziona l’economia e di come questa sta cambiando” grazie a criptovalute e blockchain. A suo parere, le nuove generazioni dovrebbero “terminare la scuola dell’obbligo con una comprensione della natura mutevole dell’economia e delle tecnologie che la influenzeranno: una di queste è proprio la blockchain.”

Blockchain Academy International è la prima struttura educativa sulla blockchain ad essere approvata in Australia per l’ottenimento di prestiti studenteschi emessi dal governo. Questo consentirà ai cittadini australiani di iscriversi ai corsi sulla blockchain senza dover pagare in anticipo, ma sfruttando invece gli incentivi offerti dal governo: lo stesso identico sistema di cui godono i normali corsi universitari.

Un sondaggio pubblicato dall’exchange di criptovalute australiano Swyftx stima che nei prossimi dodici mesi l’Australia potrebbe guadagnare un milione di nuovi utenti crypto, portando i possessori di asset digitali nel Paese a oltre cinque milioni.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews