domenica, Settembre 25, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiarePatatine fritte: le 14 varianti migliori

Patatine fritte: le 14 varianti migliori

Per la prossima serata tra amici potremmo fare delle patatine fritte. Certo, sempre un’ottima idea… ma quali fare? Sì perché non esistono solo quelle che tutti abbiamo in mente: ci sono 14 varianti, le migliori in assoluto, qui sotto ad aspettarvi e a provocarvi.

Questa è anche l’occasione per fare un irresistibile e peccaminoso giro del mondo (o dell’Europa, in effetti): c’è chi le frigge a spicchi, chi attorcigliate come codine di maiale, chi a waffle, chi le grattugia e poi le compatta, chi le fa gonfiare come palloncini. Gustatevi questa lista, va, tenendo in mente gli errori da evitare quando fate le patate fritte.

French fries

french fries

Le french fries sono le patatine fritte straclassiche cui tutti siamo stati abituati soprattutto dall’avvento dei fast food. Esatto, sono tipo quelle di Mc Donald: lunghe, regolari, senza buccia, tagliate a bastoncino sottile, croccantine ma non rigidissime. Eppure, le originali sono diversissime e i natali non sono né francesi (nonostante il nome), né americane (e, pensate, proprio gli americani le hanno battezzate così all’epoca della Seconda Guerra Mondiale): dobbiamo andare in Belgio per assaggiare le originali! Chiamiamole, dunque, patatine fritte “alla belga” o “frieten“.

Cosa ci vuole? Lo strutto, per una prima frittura a 160°C e una seconda e velocissima frittura a 180°C. Sono fritte a crudo, senza farle bollire prima anche se la Commissione Europea recentemente ha chiesto a gran voce al Belgio di non saltare mai più quel passaggio.

All’inglese

Le patatine fritte all’inglese hanno caratteristiche ben precise: croccanti fuori e quasi cremose dentro, taglio a parallelepipedo, lessate parzialmente (fino alla cottura al dente, ovvero ancora ben croccanti al cuore), fritte per circa 6 minuti a 160°C e poi a 185°C per il tempo necessario a renderle dorate. Il passaggio più delicato e importante è tuttavia prima delle tre cotture: dopo aver tagliato le patate è importantissimo lavarle bene per eliminare quanto più amido possibile.

Chips

chips patate

Se le fries sono generalmente a bastoncino, le chips sono rigorosamente tonde. Patate tagliate a rondelle, con o senza buccia (ma tendenzialmente con), tuffate per pochi istanti in acqua bollente e poi fritte per bene. Si tratta della variante forse meno laboriosa da fare, e che ben si adatta anche a una cottura in forno.

Le chips del Fish and chips

fish and chips

Il fish and chips è pietanza tradizionale britannica: filetto di pesce bianco impastellato e fritto, con patatine fritte di contorno. La vera differenza tra queste patatine e le altre, è il condimento tradizionale con cui servirle: sale certo, ma anche aceto di vino bianco in una quantità che varia soprattutto in base ai gusti personali. Un contrasto delizioso, che aumenta l’acquolina e “sgrassa” dalla sensazione di unto in bocca.

Crocchette

crocchette-patate-e-salsiccia

Un elenco di patatine fritte che non cita le crocchette di patate non sarebbe cosa seria. Nè buona. Parliamo delle crocchette di patate classiche, più o meno grandi, che fanno capolino in tutte le rosticcerie e nelle occasioni di festa. Le patate in questo caso sono lessate completamente, schiacciate e condite con formaggio e uova, appallottolate o modellate a cilindro, impanate e fritte. Tranquilli, non dimentico di darvi la ricetta perfetta per farle immediatamente.

Patate “smile”

patate fritte smile

dai avete capito quali sono: le patatine tonde e croccantissime a forma di smile, con occhietti e sorriso. da fare in casa non è semplicissimo, motivo per cui chi le ha ideate ha fatto una fortuna. Sono vendute precotte e surgelate, da friggere poi a casa con la friggitrice, la friggitrice ad aria oppure anche in forno.

Waffle fries
waffle fries

Si chiamano waffle fries perché assomigliano proprio alle cialde tanto amate per la colazione e non solo. Sono chips, non fries a bastoncino, ma tagliate a “reticolo” o “griglia”.

Patatas bravas

patatas bravas

Voliamo in Spagna per assaggiare, tra le loro altre specialità, anche le patatas bravas – termine che significa “selvagge”: tapa tra le più amate, ovvero patate a spicchi lessate e poi fritte, servite accanto alla salsa che ne porta il nome (a base di peperoncino e paprika).

Rosti

rosti di patate

Siamo in Svizzera, davanti a uno dei più celebri piatti nazionali – ripreso anche in alcune zone del Nord Italia più estremo. Le patate sono qui grattugiate con una grattugia a maglie non troppo strette, e compattate poi in padella con abbondante olio sfrigolante e burro. C’è chi le sbollenta prima e chi le frigge direttamente crude. Ecco la versione di Dissapore.

Hashed brown potatoes

hash brown potatoes

Può essere definita cugina del rosti: le hashed brown potatoes (ora “hash” brown potatoes9 è una grossa frittella di patate conosciuta nella english breakfast già da fine Ottocento.

Curly fries

curly fries

Curly perché a ricciolo, infatti sono chiamate anche “patate fritte arricciate”. Si tratta di patatine fritte canoniche nel procedimento (passate in acqua , o acqua e ghiaccio, e poi fritte) ma particolari nella forma e nel condimento: sono tagliate a spirale spessa, e condite a crudo con abbondante paprika.

Tater tots marchio registrato

Crocchette-di-cavolfiore-e-acciughe

Le tater tots sono bocconcini di patate fritte, infatti la traduzione è letteralmente “crocchetta di patata”: “tater” è frutto dell’abbreviazione di “potatoes” (> “tato” > “tater”), mentre “tots” si riferisce alle piccole dimensioni (da “toddler” ovvero bimbo piccolo, prima infanzia). Sono diffusissime degli USA e addirittura marchio registrato della Heinz. Le patate sono lessate, ridotte in purea o grattugiate, ricompattate a pepite, fritte e condite con un mix pepato di spezie.

Tornado fries

patate tornado

Le tornado fries sono irresistibili, perché sono tra le poche varianti di patatine fritte che conservano non solo una dimensione ragionevole (sono a spicchio, bello spesso) ma anche la buccia (e quindi sono più consistenti e saporite).

Pommes soufflées

Pommes soufflées

Credo siano in assoluto le patatine fritte più complicate da fare, e sono di origine francese. Sofisticate, tutto tranne che un finger food o qualcosa da preparare per un consumo di massa: le patate sono “soffiate a palloncino” ovvero di gonfiano dopo un procedimento ben preciso e un gioco di temperature alte e basse.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews