sabato, Settembre 24, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareQuali pomodori usare in 8 ricette iconiche

Quali pomodori usare in 8 ricette iconiche

I pomodori non sono tutti uguali e spesso non si sa quali scegliere per cucinare sugo, insalate, friggerli, farli al forno… ecco la risposta, per 8 ricette iconiche.

  • Home
  • Cucina
  • Quali pomodori usare nelle 8 ricette più iconiche in cui sono protagonisti

Al forno o fritti? Sott’olio o in sugo? Conserva, essiccati o in insalata? Sono infinite le possibilità per cucinare il frutto più amato in Italia e non solo… ma quali pomodori usare di volta in volta? Ebbene, dipende da cosa dovete cucinare: una ricetta può radicalmente cambiare rispetto a un’altra se è il pomodoro a essere protagonista, soprattutto nelle 8 ricette più iconiche.

Qui sotto, quindi, una piccola guida utile a capire quali sono i pomodori più adatti per le preparazioni più celebri e apprezzate: partiamo dalla preparazione per approfondire poi le caratteristiche dei pomodori il loro sapore, la consistenza, semi, buccia, aroma.

Sugo di pomodoro

Per il sugo di pomodoro, sia fatto direttamente in pentola sia da conservare in vasetto, il pomodoro più adatto è il San Marzano (tra i più apprezzati e versatili – come vi accorgerete – delle varietà italiane): è privo di semi, molto compatto, dolce e dalla buccia molto sottile, non eccessivamente acquoso, aromaticità intensa. Il San Marzano è adatto in tutte le sue varietà, dal Gigante al Cirano così come il Nano. Ecco una ricetta da tenere come riferimento.

Pomodori fritti

pomodori verdi fritti su un piatto

Non è semplice friggere i pomodori, data l’altissima percentuale di acqua che li compone: è la ragione per cui servono pomodori acerbi, i celeberrimi pomodori verdi cui ormai si è dedicata la frittura, da scegliere tondi. Hanno la buccia verde mela, sono poco acquosi, e la loro polpa è molto compatta. Per cucinarli potete seguire la nostra ricetta, proprio come quella made in USA.

Pomodori confit

I pomodorini confit sono una delizia, si tratta di pomodorini conditi con sale, zucchero e olio cotti in forno per un tempo abbastanza lungo: diventano quasi caramellati, molto intensi di sapore. Il pomodoro più adatto in questo caso è sicuramente il ciliegino (di Pachino IGP è il massimo!): buccia molto sottile, dolcissimo anche nella versione antenata ovvero gialla (ad esempio, il pomodorino giallo del Cilento). Ecco come farli.

Pomodori ripieni

pomodori ripieni in teglia

Se volete farli ripieni, i pomodori migliori sono il costoluto oppure il cuore di bue (adatti anche a crudo data la loro bontà). Particolarmente consigliato è il pomodoro di Belmonte, calabrese, talmente ricco e polposo da essere chiamato anche “carne dei poveri”. Tendenzialmente, comunque, per questa ricetta in particolare potete usare qualsiasi varietà di pomodoro tondo, di grandi dimensioni e non eccessivamente maturo.

Pomodori secchi

Anche in questo caso il pomodoro San Marzano so conferma il più adatto: essendo asciutto e polposo di natura si presta alla perfezione per essere essiccato. Potete essiccarli sotto il sole oppure direttamente in un essiccatore, per poi conservarli anche sott’olio.

Pomodori in insalata

Per mangiare dei pomodori crudi – per un’insalata o una bruschetta – è necessario scegliere pomodori saporiti, poco acquosi, dalla buccia non fastidiosa: la varietà camone (sarda o siciliana) è fenomenale perché dolce e al contempo salino e non ha quasi bisogno di condimenti. Perfetti anche il pomodoro di Manduria, i pomodori perini, i cuore di bue.

Conserva a crudo

conserva pomodori

La conserva di pomodoro può essere fatta con diverse tecniche, tra cui a crudo. Indovinate qual è il pomodoro più adatto per questa preparazione? Esatto, il San Marzano. Stessi motivi già elencati.

Pomodori sott’olio

pomodori ciliegino tagliati a metà

Per conservare i pomodorini sott’olio potete usare il datterino, confuso spesso con il ciliegino dal quale tuttavia si distingue per la forma più allungata e il sapore leggermente meno intenso. In alternativa, i pomodori secchi sono quelli che si prestano meglio per questa ricetta.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews