domenica, Settembre 25, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareBarilla, con XFarm diventa hi-tech la filiera del grano tenero di Mulino...

Barilla, con XFarm diventa hi-tech la filiera del grano tenero di Mulino Bianco

Ascolta la versione audio dell’articolo

Prima la filiera del caffè (Lavazza), poi quella della soia (Cereal Docks) e del latte e dei formaggi (Parmalat). Adesso arriva quella del grano tenero che fa capo al gruppo Barilla. Dopo due anni di sperimentazioni le aziende agricole che forniscono la materia prima al colosso alimentare di Parma per i prodotti a marchio Mulino Bianco diventano hi-tech all’insegna della sostenibilità di tutte le fasi della produzione.

Sono 2.600 imprese, tra Italia, Francia, Austria e Paesi dell’Est Europa. Dal prossimo anno saranno tutte digitalizzate con una piattaforma, Decision Support System, che è diventata parte del contratto di filiera con Barilla. La piattaforma, interfacciandosi con i sensori collocati nei campi e sui trattori, con i sistemi di irrigazione, con i satelliti e con i silos per lo stoccaggio, permette agli agricoltori di dare massima efficienza al sistema di produzione.

«E questo non solo sul piano della sostenibilità ma anche sotto il profilo economico e finanziario – dice Matteo Vanotti, ceo di XFarm Technologies, l’azienda milanese, con sedi decentrate anche a Lugano e a Barcellona, che ha sviluppato la piattaforma –. Un sistema che consente di risparmiare il 30% delle risorse idriche e il 20% dei prodotti fitosanitari».

Come funziona? L’agricoltore carica sulla piattaforma tutti i dati (compresi quelli finanziari) che riguardano la sua impresa e ottiene informazioni e indicazioni su come e quando intervenire nei campi, per esempio per l’irrigazione. Non solo. In qualsiasi momento può avere il quadro completo della gestione dell’azienda, sotto tutti i profili, a 360 gradi.

Il sistema, messo a punto nel 2018, è già stato adottato a livello internazionale da più di 100mila imprese agricole. Lo hanno fatto, sempre con contratti di filiera, le aziende del Centro e del Sud America che riforniscono il gruppo Lavazza, dalla Colombia all’Honduras. Così come quelle che fanno capo a Cereal Docks (prima azienda in Italia per la produzione di soia) e a Parmalat.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews