domenica, Settembre 25, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareCarne, calano i consumi (non gli euro spesi) e i prodotti veg...

Carne, calano i consumi (non gli euro spesi) e i prodotti veg salgono al 4% del mercato

Ascolta la versione audio dell’articolo

Cala del 5,6% la quantità di carne bovina acquistata dagli italiani nei primi cinque mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2021. Secondo un report di Ismea, si conferma quindi una tendenza che già si era registrata lo scorso anno (-2,1%): un trend che però «si distingueva dalla situazione attuale per i volumi delle vendite in positivo (+5,4%) rispetto alla situazione pre-covid». La spesa in euro è rimasta invece sostanzialmente invariata, sintomo dell’aumento medio dei prezzi, e al contempo degli effetti che l’inflazione può avere sulle scelte di consumo delle famiglie.

Ad aumentare nel carrello sono invece i prodotti a base vegetale proposti come alternative della carne (il sempre più ampio mondo della cosiddetta fake meat e gli altri sostitutivi proteici) che mettono a segno +14,8% dopo il +21% registrato nel 2021 rispetto alla media pre-Covid (anni 2108-2019). Si tratta di un comparto arrivato a rappresentare ormai il 4% della torta totale delle “carni”. Ismea nota come si tratti di aumenti facilitati dalle piccole dimensioni del mercato che, tuttavia, «sono in grado di fornire indicazioni chiare sulle tendenze espansive di questa nicchia».

La fotografia generale scattata al settore delle carni rosse ben riflette le conseguenze dell’aumento dei costi di alimentazione animale: viene infatti macellato un maggior numero di capi ma con un peso medio inferiore. I prezzi al macello sono in risalita fino a +33% e sopra le medie stagionali rispetto ai precedenti anni, una corsa trainata anche dalle dinamiche degli altri Paesi europei. Ma la tendenza al rialzo dei prezzi è un trend che va oltre il breve periodo, come testimoniato anche dal precedente report Ismea sul settore. È anche vero che per avere un trend più chiaro occorrerà aspettare il consolidarsi degli effetti della ripartenza dei consumi fuori casa, che possono ovviamente influire sia sull’offerta sia sulla composizione della spesa (per tipo e quantità).

Intanto però peggiora il clima di fiducia degli allevatori, «preoccupati soprattutto dalla corsa dei prezzi delle materie prime che, associati alla perdita di potere di acquisto dei consumatori, potrebbe rilevarsi catastrofico per un settore da tempo in equilibrio precario», conclude Ismea.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews