martedì, Agosto 16, 2022
Disponibile su Google Play
HomeScienzaAlcuni suoni ci fanno sentire meno il dolore?

Alcuni suoni ci fanno sentire meno il dolore?

Dagli anni Sessanta del secolo scorso sappiamo che la musica aiuta ad alleviare il dolore acuto e cronico negli umani: quello che fino a oggi non era chiaro, però, era in che modo il cervello provocasse questa analgesia, o riduzione del dolore. Ora uno studio condotto sui topi rivela che i suoni a bassa intensità agiscono a livello neurale, riducendo l’attività dei neuroni che fanno percepire il dolore nel talamo, una struttura del sistema nervoso centrale. La scoperta, sottolineano i ricercatori, potrebbe aiutare a sviluppare in futuro nuovi metodi per ridurre il dolore, più sicuri e meno invasivi di quelli attuali. I risultati delle sperimentazioni sono stati pubblicati su Science.

L’esperimento. Per ridurre il dolore delle zampe infiammate, gli studiosi hanno fatto ascoltare tre tipi di suoni diversi a un gruppo di topi: un pezzo di musica classica, un arrangiamento sgradevole dello stesso pezzo e rumore bianco (una sorta di fruscio costante, potete ascoltarlo qui). Sorprendentemente tutti e tre i suoni, se riprodotti a bassa intensità rispetto al rumore di fondo (con un volume simile a un sussurro) riducevano nei roditori la sensibilità al dolore.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, aumentare l’intensità dei suoni non sortiva alcun effetto analgesico sui topi: «Ci ha stupito verificare che ciò che contava era l’intensità del suono, e non la sua tipologia o il fatto che fosse gradevole o meno», sottolinea Yuanyuan Liu, uno degli autori della ricerca.

Talamo

In rosso, il talamo, una struttura del sistema nervoso centrale che agisce come una sorta di stazione radio per la ricezione di segnali sensoriali, tra cui il dolore.
© Life Science Databases(LSDB) | CC-BY-SA-2.1-jp

Gli studiosi hanno poi indagato che cosa accadesse a livello neurale nel cervello dei roditori e hanno visto che il suono veniva prima ricevuto ed elaborato nella corteccia uditiva, per poi passare al talamo, una struttura che agisce come una sorta di stazione radio per la ricezione di segnali sensoriali, tra cui il dolore. Nei topi, il rumore bianco riduceva l’attività dei neuroni che ricevevano il segnale di dolore nel talamo, sortendo un effetto analgesico.

Topi, non umani. È importante ricordare che la sperimentazione è per ora stata condotta solo su cavie animali, e che il cervello umano potrebbe funzionare in modo molto diverso: «Non sappiamo se la musica ha un significato per i roditori, ma di certo per gli umani entrano in gioco diverse componenti emozionali», sottolinea Liu. In futuro sarà importante capire se e in che modo la scoperta si applica agli umani, e se alcuni aspetti, come la piacevolezza o l’armonia del suono, influiscano nella riduzione del dolore.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews