martedì, Agosto 9, 2022
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaI diplomatici statunitensi chiedono agli exchange giapponesi di tagliare i ponti con...

I diplomatici statunitensi chiedono agli exchange giapponesi di tagliare i ponti con la Russia

Funzionari del governo degli Stati Uniti hanno esortato gli exchange di criptovalute autorizzati in Giappone a interrompere gli affari con la Russia, nell’ambito delle sanzioni economiche imposte al Paese.

Giovedì, secondo quanto riportato dal Financial Times, i diplomatici statunitensi hanno richiesto alla maggior parte degli exchange di criptovalute autorizzati in Giappone, nonché ad alcuni miner, di sospendere le operazioni in Russia. Conseguentemente l’agenzia di vigilanza finanziaria giapponese, la Financial Services Agency (FSA), avrebbe ordinato a diversi exchange di interrompere qualsiasi legame con la Russia.

“Il Dipartimento di Stato ha affermato: ‘Gli Stati Uniti continueranno a impegnarsi con il G20 e altri partner internazionali per affrontare le sfide umanitarie derivanti dall’invasione russa dell’Ucraina. In particolare, l’effetto dannoso che la guerra di aggressione del Cremlino ha avuto sulla sicurezza alimentare ed energetica globale’.”

国務省は、「米国は、G20およびその他の国際パートナーとの関与を継続し、ロシアのウクライナ侵攻に起因する人道的課題、とりわけロシアの侵略戦争が世界の食料およびエネルギー安全保障に及ぼす悪影響に対処していく」とツイートしました。 https://t.co/NIzKSzkte4

— アメリカ大使館 (@usembassytokyo) July 8, 2022

A febbraio, dopo l’invasione dell’Ucraina, le criptovalute sono diventate un punto di scontro tra i legislatori e le autorità di regolamentazione che impongono sanzioni alla Russia. A marzo, la FSA e il Ministero delle Finanze giapponese hanno annunciato che le società di criptovaluta che elaborano transazioni che coinvolgono individui o entità sanzionate in Russia e Bielorussia saranno soggette a multe o pene detentive.

Da febbraio, sotto la guida del primo ministro Kishida Fumio, il Giappone ha imposto le proprie sanzioni alla Russia, tra cui il divieto di importazione dell’oro del Paese, la fornitura di alcuni servizi contabili e il congelamento dei beni. Il rapporto del Financial Times ha suggerito che, sebbene molte società giapponesi di crypto mining ed exchange non operino direttamente in Russia, potrebbero avere filiali che lavorano con società locali, presumibilmente in violazione delle sanzioni.

Secondo le linee guida della FSA, tutti gli exchange devono essere registrati per offrire servizi legati alle criptovalute in Giappone. Al 17 giugno, c’erano 31 exchange registrati e autorizzati nel Paese, tra cui DeCurret, bitFlyer, Coincheck e OKCoin.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews