sabato, Agosto 20, 2022
Disponibile su Google Play
HomeCriptovaluta880$ è stato il minimo o possiamo ancora scendere? Ecco due indicatori...

880$ è stato il minimo o possiamo ancora scendere? Ecco due indicatori per valutare la situazione

Dal 1° luglio il prezzo di Ether (ETH) è aumentato del 16% e negli ultimi 7 giorni ha sovraperformato Bitcoin (BTC). Il movimento potrebbe essere in parte guidato dagli investitori che sperano che la transizione della rete Ethereum al consenso Proof-of-Stake (PoS) sia un catalizzatore rialzista.

I prossimi passi dello smart contract riguardano il “Merge”, precedentemente conosciuto come Eth 2.0. In attesa che il mainnet di Ethereum riceva il via libera per il suo aggiornamento, la prova finale sul testnet Goerli è prevista per luglio.

Da quando l’ecosistema Terra è crollato, a metà maggio, il total value locked (TVL) di Ethereum è aumentato e il fenomeno del flight-to-quality nella finanza decentralizzata (DeFi) ha favorito in larga misura proprio Ethereum, in virtù della sua solida sicurezza e delle sue applicazioni collaudate, tra cui MakerDAO.

Total value locked per market share. Fonte: Defi LlamaTotal value locked per market share. Fonte: Defi Llama

Secondo i dati di Defi Llama, Ethereum detiene attualmente una quota di mercato pari al 57% del TVL totale, in aumento rispetto al 51% dell’8 aprile. Nonostante questo incremento, gli attuali 35 miliardi di dollari depositati sugli smart contract impallidiscono rispetto ai 100 miliardi di dollari del dicembre 2021.

A ulteriore dimostrazione del calo nell’uso delle Dapp su Ethereum, vi è stata anche una riduzione delle commissioni di trasferimento, o gas fee, che attualmente si attestano a 1,32$. Questa cifra è la più bassa da metà dicembre 2020, quando il TVL della rete era di appena 13 miliardi di dollari. Tuttavia, si potrebbe attribuire parte del calo ad un maggiore utilizzo di soluzioni layer-2 come Polygon e Arbitrum.

I trader di opzioni flirtano con il range neutrale

I trader dovrebbero osservare i dati di Ether sui mercati dei derivati per capire come sono posizionate le whale e i market maker. In questo senso, il 25% delta skew è un segnale eloquente ogni volta che i trader professionisti caricano eccessivamente la protezione al rialzo o al ribasso.

Se gli investitori si aspettano un rialzo del prezzo di Ether, l’indicatore di skew si muove verso un valore del -12% o inferiore. D’altro canto, uno skew superiore al 12% mostra una riluttanza ad adottare strategie ribassiste.

25% delta skew delle opzioni su ETH: Fonte: Laevitas.ch

Il 7 luglio l’indicatore di skew ha toccato brevemente l’intervallo neutro-ribassista, mentre Ether completava un rally del 19% in quattro giorni. I trader di opzioni si sono spostati verso un approccio più conservativo, dando maggiori probabilità al ribasso del mercato mentre lo skew si è spostato all’attuale livello del 13%. In breve, più l’indice è alto, meno i trader sono inclini a valutare il rischio di ribasso.

I margin trader sono estremamente rialzisti

Per confermare se questi movimenti sono limitati allo specifico strumento delle opzioni, è necessario analizzare i mercati dei prestiti a margine. Il prestito consente agli investitori di sfruttare le loro posizioni per acquistare più criptovalute. Quando questi trader esperti aprono posizioni a margine, i loro guadagni (e le potenziali perdite) dipendono dall’aumento del prezzo di Ether.

I trader a margine di Bitfinex sono noti per la creazione di contrattazioni da 100.000 ETH o superiori in un tempo molto breve, che indicano la partecipazione di whale e di grandi desk di arbitraggio.

Margin long su ETH, Bitfinex. Fonte: Coinglass

È interessante notare che dal 13 giugno i margin trader hanno aumentato notevolmente i loro long: gli attuali 491.000 contratti sono vicini al livello più alto degli ultimi 8 mesi. I dati dimostrano che questi trader non si aspettano una discesa disastrosa sotto i 900$.

Sebbene non ci sia stato un cambiamento significativo nelle metriche di rischio delle opzioni dei trader professionisti, i trader a margine rimangono rialzisti e non sono disposti a diminuire le loro posizioni nonostante il “crypto winter”.

Se queste whale e i market maker si convincono che gli 880$ del 18 giugno sono stati il minimo assoluto, i trader potrebbero iniziare a credere che la fase peggiore del mercato ribassista sia ormai alle spalle.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews