sabato, Agosto 20, 2022
Disponibile su Google Play
HomeCulturaI musei rafforzano il rapporto con i territori

I musei rafforzano il rapporto con i territori

Ascolta la versione audio dell’articolo

Il rafforzamento del rapporto con il territorio è il filo conduttore che lega i piani di sviluppo dei musei paradossalmente usciti dalla pandemia rafforzati proprio nel legame con il pubblico. «Nel periodo Covid», dice Giovanna Melandri, presidente della Fondazione Maxxi di Roma, «abbiamo raggiunto sedici milioni di utenti. Abbiamo imparato a costruire un rapporto di comunità che è la base del piano di sviluppo del museo come polo della conoscenza e della ricerca. Sostenibilità, innovazione e inclusione saranno i principi che ispireranno la nostra attività».

Un crowdfunding di idee sarà invece alla base del Museo Egizio di Torino che nel 2024 festeggerà i duecento anni di storia. «Stiamo ricevendo proposte da tutto il mondo», dice il presidente della Fondazione, Evelina Christillin. «Digitalizzazione, restituzione e inclusione sono le linee guida di cinque progetti finalizzati a dare alla città nuovi spazi e all’allargamento della fruizione grazie al digitale e al metaverso. Un progetto che vale venti milioni di euro e che sarà un ulteriore salto nel futuro del museo».

Carolyn Christov-Bakargiev direttore del Castello di Rivoli, il più antico museo d’arte contemporanea d’Italia, enfatizza il ruolo glocal del polo: «Abbiamo un decimo del budget del Centre Pompidou di Parigi. Siamo costretti a essere trendsetter dell’arte ed esploratori di nuovi terreni per conquistare la fiducia degli artisti di tutto il mondo. Nello stesso tempo dobbiamo avere un radicamento nel territorio. Dobbiamo pensare all’arte tra cinquecento anni e lasciare in eredità opere come i mecenati toscani del Rinascimento. Abbiamo commissionato quattro opere in provincia di Cuneo e lavoreremo ancora in questa direzione».

Enzo Ghigo, presidente del Museo del cinema, lancia l’allarme sulle sale e sulla produzione italiana. «Il calo degli spettatori post-pandemia, nell’ordine del 70%», dice, «è un segnale molto preoccupante. Nessun film italiano è tra i primi dieci in classifica in Italia. Dobbiamo ripensare alle leggi sulla produzione e agli incentivi e dobbiamo rafforzare la cultura stessa del cinema. Presenteremo un progetto di legge parlamentare per un finanziamento di 25 milioni in cinque anni».

Scopri di più
Scopri di più

Domenico Piraina, direttore dei musei scientifici milanesi sottolinea la necessità di aprirsi alla città. «Abbiamo 600mila visitatori l’anno, rapporti consolidati con le scuole e piani per portare i nostri musei nelle periferie della città. Aprire le porte dei musei vuol dire allargare gli orizzonti della città».

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews