sabato, Agosto 20, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMusicaNicola Porro, il giornalista tv che si trasforma sui social

Nicola Porro, il giornalista tv che si trasforma sui social

Moderato, istituzionale, garbato in televisione, schierato, ficcante, scorretto sui social. Ecco Nicola Porro, giornalista della carta stampata da qualche anno ormai nei panni del conduttore televisivo. A regalargli la popolarità in tv fu Michele Santoro, che nel 2009 lo ospitava (in alternanza con Maurizio Belpietro e pochi altri) ad Annozero su Rai2, in quota centrodestra, cioè quasi sempre in opposizione rispetto alla narrazione giornalistica offerta da quel talk show (erano gli anni d’oro delle battaglie antiberlusconiane). Qui il vice direttore de Il Giornale si fece notare per dialettica, personalità, competenza anche in materia economica e bella presenza (Carlo Freccero lo descrisse così, qualche anno fa: “Porro ha tutto: è bello, intelligente, mondano, conosce l’economia, ha un’agenda ottima“).

Dopo le esperienze altalenanti da conduttore prima su La7 (In Onda), poi su Rai2 (Virus), Porro ha trovato la sua cifra televisiva a Mediaset, con Matrix. Da quel momento, fino all’approdo a Quarta Repubblica nel 2018, è iniziato il suo (riuscito) processo di istituzionalizzazione. Non a caso, oggi Porro mette in scena il più ragionato dei talk show di prime time di Rete 4 (negli ultimi tempi gli fa concorrenza, in questo senso, Zona Bianca di Giuseppe Brindisi). E che Mediaset lo consideri volto affidabile e autorevole è confermato dal fatto che qualche mese fa sia stato scelto per guidare gli speciali, in collaborazione col Tg4, realizzati per l’elezione del Presidente della Repubblica.

Va detto che il Nicola Porro che ogni mattina anima i suoi canali social con il format ‘Zuppa di Porro‘ è assai distante dal conduttore televisivo che ogni lunedì sera entra con savoir-faire nelle case dei telespettatori di Rete 4. Porro nella sua personalissima rassegna stampa social, rigorosamente live, si lascia andare ad un linguaggio particolarmente sguaiato (“ma come caxxo è possibile?“, “la bistecca della minch*a“, “teste di minch*a“, “porca tr*ia“), alza spesso la voce, aggredisce, ironizza, ad un certo punto sentenzia che “il 90% dei giornalisti è di sinistra” e alla fine dà dei “cretini” agli esponenti del centrodestra (“sono un gruppo di folli, pazzi, scatenati! Deficienti, sono maggioranza nel Paese, ma vanno a perdere le elezioni“). Tutt’altro stile in tv, dove, salvo qualche eccezione – nell’ultima puntata stagionale di Quarta Repubblica, andata in onda il 27 giugno scorso, si è vantato di non essere equilibrato (“me ne frego dell’equilibrio“) – ricopre con efficacia il ruolo di conduttore equidistante, limitandosi a porre interrogativi e quesiti, lasciando saggiamente che a scannarsi (è pur sempre un talk show!) siano gli ospiti.

 

 

 

 

 

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews