martedì, Agosto 16, 2022
Disponibile su Google Play
HomeScienzaUn mammut di 40 mila anni fa ben conservato

Un mammut di 40 mila anni fa ben conservato

Un cercatore d’oro ha scoperto e portato alla luce un cucciolo di mammut lanoso mummificato nello Yukon, in Canada.  Stando alle analisi fatte finora risulta che il cucciolo di mammut era una femmina ed è stata chiamata Nun cho ga, che significa “grande cucciolo di animale” nella lingua tradizionale Hän, parlata dalle popolazioni locali.

Il più completo. Al momento risulta essere il mammut mummificato più completo scoperto in Nord America. È certo che Nun cho ga vagò a lungo nello Yukon, insieme a cavalli selvaggi, leoni delle caverne e giganteschi bisonti delle steppe. Visse circa 30.000 anni fa e dopo la morte è rimasta congelata nel permafrost nel corso della parte finale dell’ultima era glaciale. 

Grant Zazula, paleontologo del governo dello Yukon, ha affermato che il minatore ha realizzato quella che, a oggi, è considerata la «scoperta più importante in paleontologia del Nord America». Anche Dan Shugar, dell’Università di Calgary, che ha fatto parte del gruppo di lavoro che ha scavato ed estratto il mammut lanoso, ha affermato che questa scoperta è stata «la cosa scientifica più eccitante di cui abbia mai fatto parte». 

Con la mamma. Probabilmente, poco prima della sua morte, il piccolo mammut si trovava con sua madre e con lei aveva mangiato in un’area ricca di erbe, quando si è avventurato un po’ troppo lontano da lei ed è rimasto bloccato in una zona fangosa, che è diventata la sua tomba. Ciò gli ha permesso di rimanere perfettamente conservato fino ad oggi, tant’è che al rinvenimento possedeva ancora le unghie dei piedi, la pelle, i peli…  

Intatti sono risultate persino le parti interne dell’animale, con l’ultimo pasto a base di erba ancora presente nello stomaco. Lo Yukon, in effetti, è noto per il suo deposito di fossili dell’era glaciale, ma raramente vengono scoperti reperti così immacolati e ben conservati.  Il mammut lanoso era un animale delle dimensioni dell’elefante africano, ha girovagato in molte aree del Pianeta fino a circa 4.000 anni fa. I sapiens lo hanno cacciato per procurarsi cibo , oltre che ossa e zanne per farne strumenti utili per la loro vita quotidiana. Ad oggi c’è diatriba circa i motivi della loro scomparsa: alcuni ricercatori ipotizzano che sia stata soprattutto la caccia, altri i cambiamenti climatici o forse entrambi.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews