venerdì, Agosto 12, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareMars, Snickers e KitKat: chiuso lo stabilimento belga di Wieze causa salmonellosi

Mars, Snickers e KitKat: chiuso lo stabilimento belga di Wieze causa salmonellosi

Chiuso per salmonellosi un altro stabilimento dolciario in Belgio, dopo quello di Arlon di Ferrero (poi riaperto): è quello dove vengono prodotti Mars, Snickers e KitKat di Wieze della Barry Callebaut.

  • Home
  • Notizie
  • Mars, Snickers e KitKat: chiuso lo stabilimento belga di Wieze causa salmonellosi

Si torna in Belgio: vi ricordate che qui era stato chiuso temporaneamente lo stabilimento di Arlon della Ferrero a causa di segnalazioni di salmonellosi negli ovetti Kinder? Ebbene, adesso un altro stabilimento dolciario belga è stato chiuso, sempre per salmonellosi: è quello della città di Wieze dove la Barry Callebaut produce Mars, Snickers e KitKat.

Se da metà giugno lo stabilimento di Arlon ha avuto il permesso di riaprire con la condizionale per tre mesi (grazie alla concessione dell’Agence Fédérale Pour la Sécurité de la Chaîne Alimentaire (Fasfc), l’agenzia per la sicurezza alimentare del Belgio), ecco che attualmente è lo stabilimento di Wieze dell’azienda svizzera Barry Callebaut ad avere un problema col batterio della salmonella.

kit kat barretta al cioccolato

Lunedì 27 giugno, infatti, sono state fermate le linee di produzione dello stabilimento in quanto in un lotto di prodotti è stata riscontrata la presenza della salmonella. A differenza di quanto accaduto con lo stabilimento di Arlon della Ferrero, si è subito venuti a capo dell’origine della contaminazione: la salmonella era presente nella lecitina (solitamente negli ingredienti di Mars, Snickers e KiteKat figura la lecitina di soia), un grasso vegetale usato nella lavorazione del cioccolato.

Visto che le analisi sono state eseguite molto velocemente, ecco he si è potuto bloccare le spedizioni dei prodotti e dei lotti coinvolti prima che arrivassero nei supermercati e prima, dunque, di poter essere acquistati dai consumatori.

Verosimilmente la produzione di queste linee rimarrà ferma fino a quando i locali non saranno del tutto sanificati. Bisogna ribadire che nessuno dei prodotti contaminati è mai arrivato a disposizione dei consumatori.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews