martedì, Agosto 16, 2022
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutail nuovo progetto di Roberto Giavarini che fonde arte tradizionale con NFT...

il nuovo progetto di Roberto Giavarini che fonde arte tradizionale con NFT e metaverso

Hivearium è un nuovo progetto NFT nato da un’idea dell’artista italiano Roberto Giavarini, che mira ad unire musica , filosofia e metaverso all’interno di un unico ecosistema. Roberto è principalmente un pittore, che da oltre trent’anni crea opere d’arte utilizzando sia tecniche tradizionali che metodi sperimentali da egli stesso ideati. Ma è anche pianista, compositore e scrittore, nonché studioso delle implicazioni filosofiche di come lo sviluppo tecnologico e l’arte siano strettamente legati l’uno all’altro.

Nel 2021, Giavarini ha formato il gruppo di lavoro Hivearium Cryptoart – di cui è il direttore artistico – costituito da musicisti, 3D designer e sviluppatori, nonché esperti di blockchain, criptovalute e sicurezza informatica.

Il concetto alla base del progetto era creare innanzitutto un’opera d’arte fisica, intitolata “HIVE MIND MOTHER”, dipinta su legno utilizzando tecniche sia antiche che contemporanee. Questo pezzo è stato quindi digitalizzato in un modello 3D: questo modello è servito poi come base per centinaia di variazioni del pezzo originale.

Attorno a questo concetto è stato anche sviluppato un metaverso, chiamato Hivemind. Il modello 3D del pezzo fisico è stato posizionato al centro, e si congiunge a tutte le sue varianti tramite collegamenti sinaptici. Queste immagini sono a loro volta collegate ad altre opere d’arte come musica , sculture digitali 3D, video , ologrammi e codice di software. Ogni singola opera è certificata sulla blockchain tramite NFT.

Lo scopo di Hivearium è mostrare come l’arte tradizionale possa fondersi con il mondo digitale, e grazie ad esso rafforzarsi. Inoltre, tramite la georeferenziazione GPS e un software per la realtà aumentata, molte delle opere d’arte saranno esposte in svariate località del pianeta Terra… e non solo.

Un pezzo seguirà il percorso della Stazione Spaziale Internazionale mentre orbita attorno alla Terra, consentendo così agli astronauti a bordo di ammirarlo. Un’altra opera d’arte sarà invece per sempre geolocalizzata al centro del Sole; sarà possibile osservare alcuni pezzi sulla Luna, altri saranno messi in mostra su Marte e potranno essere ammirati soltanto quando l’umanità raggiungerà il pianeta rosso.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews