venerdì, Agosto 12, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareCome scegliere il vino giusto a una cena d’estate

Come scegliere il vino giusto a una cena d’estate

Ascolta la versione audio dell’articolo

Stiamo affrontando un’estate torrida un po’ ovunque in Italia e le previsioni sulla vendemmia 2022, per ora, non sono incoraggianti. Se le cose vanno avanti così infatti – in assenza prolungata di piogge e importanti escursioni termiche fra il giorno e la notte – rischiamo di raccogliere vasetti di marmellata e uva passa per i panettoni di Natale. La stagione siccitosa è gravata inoltre dall’assenza diffusa di riserve idriche nei terreni, poiché anche l’inverno è stato troppo mite in molte regioni. Ad ora, quello che possiamo fare, è solamente sperare che la situazione migliori da qui alla fase vendemmiale, giacché stiamo entrando nel periodo più importante e delicato, quello che toglie il sonno ai produttori di vino.

Ma affrontiamo un problema alla volta, senza allarmismi. Organizziamoci sul da farsi (anzi sul da bersi) resistendo alle provocazioni di un andamento climatico fuori controllo, suggeritore di idee balzane sul futuro, tipo la conversione dei circa 600mila ettari vitati italiani in piantagioni di ananas e banane (chiedo venia per la facezia, in effetti c’è poco da scherzare!).La prima regola da seguire è quella di smettere di servire i vini rossi a temperatura ambiente, e vale per tutto l’anno. Chiaramente dipende dalla struttura dei vini, ma in generale non bisognerebbe mai superate i 16 gradi centigradi. Il caldo accelera l’evoluzione del vino, lo fa invecchiare precocemente e conferisce sentori tutt’altro che piacevoli.

Dopodiché, liberatevi del pregiudizio tutto italiano nei confronti dei vini rosati. Se ne trovano di molto buoni e accompagnano bene diversi piatti, soprattutto quelli con una “macchiatura” di pomodoro spesso presenti nella nostra cucina di mare. Pertanto un buon vino rosato può funzionare non solo come aperitivo, ma anche a tutto pasto, tenetelo a mente.

Buone notizie anche per i consumatori di champagne e spumanti coi cubetti di ghiaccio. La “Vin Piscine” alla francese è ufficialmente sdoganata anche in Italia, quindi fate come vi pare senza sentirvi giudicati. Piuttosto, nel caso, occupatevi della qualità, della purezza e della consistenza del ghiaccio, elemento fondamentale nella mixology.

Siete bevitori di Spritz? E allora provate la ricetta originale a base di vino e acqua gassata. Oggi alcuni bravi barman lo preparano con qualche aggiunta creativa che personalizza una bevuta rinfrescante, piacevole e moderatamente alcolica. Non sto suggerendo di allungare il vino con l’acqua, giammai! Casomai il contrario, cosicché l’acqua guadagni quell’aroma in più, che non guasta mai.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews