sabato, Agosto 13, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareVino, l'ambivalenza del calice: si beve di meno ma i consumatori aumentano

Vino, l’ambivalenza del calice: si beve di meno ma i consumatori aumentano

In Italia si beve meno vino ma si beve in di più. Tutto chiaro? In altre parole, nonostante siano calati i volumi di consumo, sono aumentati i consumatori.

  • Home
  • Notizie
  • Vino, l’ambivalenza del calice: si beve di meno ma i consumatori aumentano

In parole povere si beve di meno ma si beve in di più. Troppo confuso? Vero, ma non potevamo resistere all’idea di uno scioglilingua. Stando alla più recente analisi redatta dall’Osservatorio dell’Unione italiana vini (Uiv), che ha elaborato nuovi dati Istat sui consumi di alcolici nel 2021, nello Stivale si beve meno vino – in termini di quantità o volumi effettivi – ma sono di fatto aumentati i consumatori, che ora ammontano a circa 30 milioni (di cui il 66% di uomini e il 44% di donne).

firenze-furto-ristorante-140-bottiglie-vino

Dando un’occhiata ai dati emerge che, nell’ultimo decennio, il numero complessivo di consumatori sia aumentato del 2,3% (mentre è ben più alto quello relativo alle sole donne – +9%), con una netta crescita soprattutto nelle fasce di età più mature (+11,4% per coloro con età compresa tra i 55 e i 64 anni e +19,3% per coloro che invece hanno superato i 65); mentre diminuisce sensibilmente la schiera di chi beve vino tutti i giorni (-16,8%). La classifica delle regioni più amanti del calice è guidata dall’Umbra (dove il 62% dei cittadini è consumatrice regolare), seguita dalle Marche (60%) e, qualche punto percentuale più in basso, dal Veneto, dall’Emilia-Romagna e dalla Valle d’Aosta (59%); mentre con quasi 1/5 la Lombardia è in testa alla ripartizione dei consumatori per regione, seguita da Lazio (10%) e Veneto (9%).

“Oggi il vino è uno status culturale, conoscerlo vuol dire essere una persona preparata e curiosa, perché ad attrarre non è solo il prodotto ma anche il territorio, le storie e il contesto sociale” ha commentato a tal proposito il presidente di Uiv, Lamberto Frescobaldi. “Per questo riteniamo sbagliato che la Commissione europea accomuni il vino con altre bevande utilizzate per i consumi compulsivi”.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews