martedì, Agosto 9, 2022
Disponibile su Google Play
HomeScienzaI pianeti in fila - Focus.it

I pianeti in fila – Focus.it

In questi giorni si può assistere a un notevole allineamento di pianeti, nel cielo che precede il sorgere del Sole. In pratica, i pianeti sono “confinati” in una regione relativamente ristretta del cielo. Da oriente verso occidente (cioè da sinistra a destra, guardando verso est-sud-est) si trovano in fila Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno, cioè tutti i pianeti visibili a occhio nudo, con in più la Luna, che si trova tra Venere e Marte all’alba del 24 giugno e si sposta progressivamente nei giorni successivi: il 26 è in congiunzione con Venere, cioè prospetticamente molto vicina sulla volta celeste al pianeta più brillante del cielo.

Frequenti, ma non troppo. Gli allineamenti dei pianeti del Sistema Solare sono fenomeni che si presentano periodicamente, a causa del movimento dei pianeti stessi, Terra compresa, attorno al Sole. Ciò che rende particolare, e piuttosto raro, il fenomeno di questi giorni è che non solo vi partecipano tutti i pianeti visibili a occhio nudo ma anche che sono disposti nel reale ordine di distanza dal Sole, cioè da Mercurio a Saturno, tutti compresi in una fascia di cielo ampia poco più di 100°. L’ultimo allineamento con caratteristiche simili a questo si è verificato nel 2004.

Allineamento, 24 giugno.

Allineamento, 24 giugno.
© Stellarium

Un effetto di prospettiva. Va sottolineato che gli allineamenti sono dovuti alla prospettiva. Le distanze dei pianeti dai noi sono molto diverse tra loro: Mercurio, Venere e Marte sono relativamente vicini, Giove e Saturno molto più lontani. Se potessimo vedere il cielo in 3D, i primi tre pianeti apparirebbero “davanti”, gli altri due “dietro”. Ma i nostri occhi non riescono a fornirci una visione tridimensionale del cielo, e quindi tutti ci sembrano più o meno alla stessa distanza, appesi sulla sfera celeste. Il fatto che si trovino in fila è normale, perché tutti i pianeti orbitano attorno al Sole all’incirca sullo stesso piano, quello dell’eclittica.

Allineamento, 26 giugno.

Allineamento, 26 giugno.
© Stellarium

A occhio nudo. Per osservare l’allineamento di questi giorni bisogna svegliarsi un’oretta prima dell’alba, cioè intorno alle 4:30. Questo tipo di fenomeno si guarda a occhio nudo, ma può essere necessario un binocolo per scorgere Mercurio, il pianeta più elusivo, perché poco luminoso e immerso nel chiarore del Sole che sta per sorgere. I pianeti rimarranno “in fila” per una decina di giorni, ma dalla mattina del 28 non ci sarà più la Luna, che passa sotto l’orizzonte.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews