venerdì, Ottobre 7, 2022
Disponibile su Google Play
HomeGossipSe non vi suona bene, cambiate

Se non vi suona bene, cambiate

Questo articolo è pubblicato sul numero 26/27 di Vanity Fair in edicola fino al 6 luglio 2022

Consigli per affrontare la paura di scrivere validi per maturandi e non solo. Per prima cosa, tra le tracce, scegliete quella che vi coinvolge di più. Il titolo deve darvi una vibrazione, comunicarvi qualcosa che vi riguarda, anche se non sapete ancora il perché. Alla mia Maturità scelsi la traccia su Foscolo e scrissi un tema sui Sepolcri: più di vent’anni dopo avrei esordito con un libro intitolato Non vi lascerò orfani, citazione dal Vangelo secondo Giovanni trovata su una lapide del Cimitero Monumentale di Milano.

Prima di incominciare, ascoltatevi. Riflettete. Trovate un punto di vista personale dal quale iniziare. L’incipit è importante. Non deve essere retorico, o prevedibile, o sciatto. Cercate dentro di voi una frequenza ispirata e onesta sulla quale sintonizzarvi. Dovete essere concentrati e dovete sapere le cose. Non scrivete per sentito dire o per occupare spazio: scegliete l’argomento che vi riguarda ma anche quello su cui siete preparati.

Trovato l’incipit partite. Inizio, svolgimento, fine. La fine è importante ma evitate le frasi a effetto. Meglio un finale sobrio che un finale ridondante o artificioso. Cercate la semplicità. Scrivete come parlereste a una persona che vi interessa e dalla quale ci tenete davvero a farvi capire. 

E poi: tirate fuori tutto. Tutto quello che avete da dire spremetelo fino all’ultima goccia. Siate generosi e anche un po’ audaci. Poi, consiglio fondamentale: rileggete e correggete. Rileggete mentalmente come se steste leggendo quel che avete scritto a qualcuno e ricordatevi: tutto quel che non vi suona bene non va bene. Che sia una frase, un aggettivo, un passaggio: se non vi suona bene – anche se non capite perché – cambiate. Cercate soluzioni alternative. Se non le trovate, togliete.

Che sia il tema della Maturità o una lettera o un racconto: scrivete in un modo vostro, curato ma non lezioso, onesto ma non banale. 

Per abbonarvi a Vanity Fair, cliccate qui.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews