domenica, Settembre 25, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareFlavio Briatore o Gino Sorbillo? Come scegliere tra la destra capitalista o...

Flavio Briatore o Gino Sorbillo? Come scegliere tra la destra capitalista o quella populista

Flavio Briatore e Gino Sorbillo che dividono sul prezzo della pizza si fanno metafora delle politiche di destra. E voi come la volete la tonda, costosa perché è giusto così oppure economica, anzi gratis, perché la pizza è del popolo?

  • Home
  • Pizzerie
  • Flavio Briatore o Gino Sorbillo? Come scegliere tra la destra capitalista o quella populista

A proposito di politica, ci sarebbe qualcosa da mangiare ? Come no: una bella pizza. Quale vuoi? Ma soprattutto, quanto la vuoi pagare? Devi scegliere: team Flavio Briatore o team Gino Sorbillo.

La battuta di Totò, si sa, non era solo una battuta. Se c’è una cosa politica, è il cibo . Eppure la politica tentiamo in tutti i modi di cacciarla fuori dalla porta: per non cadere in depressione, costretti come siamo a scegliere tra due destre, quella capitalista, quella dei banchieri e dei sacrifici a senso unico; e quella populista, quella della retorica terra terra e delle promesse impossibili da mantenere. Sennonché, la politica minaccia di rientrare dalla finestra, sotto forma di metafora. O sotto forma di pizza.

Breve recap, casomai siate stati chiusi in un bunker negli ultimi giorni. Flavio Briatore è stato accusato di vendere troppo cara la margherita nei suoi locali Crazy pizza: 15 euro. Per rispondere, ha argomentato che per essere buona, la pizza, dev’essere fatta con materie prime di qualità, insinuando che chi la vende a poco la fa con roba di merda. La provocazione ha triggerato i pizzaioli tradizionali, soprattutto ovviamente quelli di Napoli. Che hanno manifestato sdegno ufficiale; e non solo: pe’ se mett’a coppa, come si dice da quelle parti, il noto pizza star Gino Sorbillo ha organizzato una distribuzione gratuita di pizze.

Gino Sorbillo

Mo, veramente dobbiamo scegliere a chi dare ragione? Io mi rifiuto. Perché l’argomentazione di Briatore contiene un fondo di verità: se si risparmia sulle materie prime la pizza (come qualsiasi altro cibo ) non può venire buona. Senza tener conto che il food cost non è tutto: ci sono le spese per i locali, e anche quelle rientrano nell’esperienza del cliente (un cesso rotto, una tovaglia sporca fanno sembrare meno buona anche la pizza migliore del mondo); ci sono le spese del personale, se lo si vuole tenere in regola e pagare il giusto (altro ambito in cui la tradizione meridionale non dà proprio il buon esempio, diciamo).

Il punto è che Briatore bluffa: perché sa benissimo che la verità è un’altra. La verità è che lui non vende pizze, o tartufi: Briatore vende Briatore. Non è che i clienti di Crazy pizza vanno lì per la qualità della margherita, o della bufalina (25 euro). Sarebbe come a dire che vanno al Billionaire per la creatività del dj, o per l’originalità dei cocktail. Ci vanno per far parte, o sentirsi parte, di un’élite, di un jet set: supercafonal quanto si vuole, ma pur sempre esclusivo. Il pricing – cioè la teoria e la pratica tesa a stabilire i prezzi su un menu – qui dimostra in tutta la sua evidenza di essere uno strumento di marketing, non di gestione economica: altrimenti 50 grammi di mozzarella non farebbero lievitare il prezzo di 10 euro tra la margherita normale e quella con la bufala.

Ecco perché la parte di Briatore mi ricorda la destra capitalista: formalmente inattaccabile, raziocinante, anche giusta; sostanzialmente carnefice. È la destra dei banchieri, quella al potere oggi: quella di Mario Draghi e prima di lui di Mario Monti. Quella che dice “ce lo chiede l’Europa” e “abbiamo vissuto sopra le nostre possibilità, ora dobbiamo fare i sacrifici”. Salvo poi chiedere i sacrifici a chi già sta con le pezze al culo.

Dall’altro lato, i pizzaioli napoletani. I miei amati conterranei. Che come al solito cadono nel tranello. Mi sembra quasi di sentirli: Ah sì, tu dici che una pizza non può costare 4 euro? E noi te la regaliamo proprio, t’a chiavamm’ ‘nfaccia. 

È un atteggiamento che ha l’apparenza di essere popolare: la pizza è alimento del popolo, deve essere accessibile al popolo, deve costare poco. Ma non è altro che populista: nasconde il problema facendo finta che non esista, trucca le carte. Perciò mi ricorda la destra populista: quella del Movimento 5 stelle – almeno fino a poco fa, ora non a caso sta implodendo perché è passato al governo, all’altra destra – quella dei Salvini e delle Meloni. Quella che promette panis et circenses, come ha sempre fatto: lavoro per tutti, allegria, bagordi. È facile scatenare entusiasmi così: chi, potendo scegliere, non vorrebbe avere tutto pagando poco (o niente)? Ma sono promesse impossibili da mantenere, e si sa già da prima: questa la disonestà.

Visto che abbiamo iniziato con Totò, chiudiamo con un altro grande comico napoletano: Paolo Sorrentino. Ve lo ricordate il titolo di quel suo romanzo, Hanno tutti ragione? Beh, qui hanno tutti torto.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews