sabato, Agosto 13, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMusicaNetflix, per il Pride Month ecco la stand up comedy LGBTQIA+

Netflix, per il Pride Month ecco la stand up comedy LGBTQIA+

Giugno è ormai il Pride Month, ovvero il mese dell’orgoglio della comunità LGBTQIA+. Le aziende si buttano a capofitto in iniziative volte a manifestare inclusione. Netflix, come tutte le altre piattaforme di streaming, non sta a guardare.

La creatura di Reed Hastings ha da sempre nel suo catalogo sterminato molti contenuti LGBTQIA+, ma questo mese ha rilasciato qualcosa di molto originale, ovvero uno special intitolato Stand Out: An LGBTQ+ Celebration. Si tratta di una puntata speciale del programma comico Stand Out, con stand up comedian lesbiche, gay, transgender, queer, bisessuali, persone non binarie, ecc.

Su un grande palco tantissimi stand up comedian si alternano per pochissimi minuti – quasi come fossimo a Colorado – proponendo monologhi sulla loro condizione di single, di persone fidanzate, sposate, ci sono riferimenti al Covid-19 e alla guerra in corso tra Ucraina e Russia. L’evento si svolge all’aperto, a Los Angeles.

Tra i nomi più noti troviamo Tig Notaro, che su Netflix ha uno special tutto suo, l’italo-americano Matteo Lane (che sul palco accenna qualche frase in italiano) con uno striminzito monologo sull’app di incontri gay Grindr, Masha Warfield, Trixie Mattell, Margaret Cho.

Nonostante la mole di artisti LGBTQIA+ messa in campo, il risultato tuttavia non è che sia così dirompente. Indiscutibilmente onore a Netflix per aver realizzato uno spettacolo di comicità interamente queer e rappresentativa di una parte molto consistente della sua platea, ma le performance degli stand up comedian non lasciano quasi mai il segno, peraltro alternandosi sul palco in maniera troppo veloce. Nessuno ha il tempo di elaborare un discorso abbastanza strutturato, giusto due-tre battute, poi si lascia spazio al collega.

Sarebbe stato meglio probabilmente suddividere in due parti lo special – un’ora e trentasei minuti francamente sono insostenibili – e lasciare più spazio ad ogni artista in ogni puntata. Altrimenti il rischio di rainbow washing è dietro l’angolo.

Intanto è stata annunciata per il 2022 l’uscita di Stand Out: The Documentary, ovvero un documentario dedicato anche alla realizzazione di questo show.

 

 

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews