sabato, Ottobre 1, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareUcraina: produzione di cereali e semi oleosi in calo del 50%, si...

Ucraina: produzione di cereali e semi oleosi in calo del 50%, si chiedono aiuti all’Europa

L’Ucraina prevede un calo della produzione di cereali e semi oleosi di circa il 50%, e si è rivolta all’Europa per ricevere aiuti finanziari.

  • Home
  • Notizie
  • Ucraina: produzione di cereali e semi oleosi in calo del 50%, si chiedono aiuti all’Europa

Secondo le ultime stime delle autorità dell’Ucraina la produzione di cereali e semi oleosi sarà inferiore di un 40%-50% rispetto a quanto messo a segno lo scorso anno, complice l’imperversare della guerra sul territorio nazionale che di fatto ha ridotto drasticamente, tra bombardamenti e mine inesplose, il territorio coltivabile in maniera sicura. In questo contesto, Kiev si è rivolta all’Europa in cerca di nuovi aiuti finanziari per poter traghettare questo periodo di forti difficoltà.

Grano; Ucraina

Così, mentre il Governo lavora per istituire due nuovi corridoi terrestri per riprendere l’export di grano, le autorità competenti dovranno trovare un modo per sostenere la produzione alimentare nazionale. A tal proposito Commissario europeo all’agricoltura, Janusz Wojciechowski, si è premurato di ricordare che “La priorità immediata è portare via il grano dall’Ucraina”, in modo da consentire a Kiev di liberare spazio di archiviazione per il prossimo raccolto. “È fondamentale intensificare il nostro lavoro sulle vie della solidarietà, ma è anche fondamentale che i porti ucraini del Mar Nero siano nuovamente operativi”.

Wojciechowski ha poi commentato le più recenti previsioni del raccolto di cereali in Europa, che di fatto mostrano un calo netto; e ha puntato il dito contro la siccità e le condizioni meteo avverse. “In diversi Stati membri sono state osservate forti piogge e grandine, in alcuni casi queste piogge sono state benefiche per le colture, in altri sono state dannose, a causa della loro intensità” ha spiegato. “Sebbene la situazione generale rimanga buona questa instabilità legata al clima ha influito sulle prospettive di produzione in alcune regioni e le nostre ultime previsioni sulla produzione di cereali sono state ridotte di 2 milioni di tonnellate per il secondo mese consecutivo, raggiungendo 293,8 milioni di tonnellate”.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews