sabato, Ottobre 1, 2022
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaScienziati progettano una stablecoin completamente decentralizzata e ancorata all'elettricità

Scienziati progettano una stablecoin completamente decentralizzata e ancorata all’elettricità

I ricercatori del Lawrence Livermore National Laboratory, in California, sostengono di aver progettano una nuova tipologia di stablecoin capace di trasmettere energia sotto forma di informazione. Gli studiosi Maxwell Murialdo e Jonathan L. Belof affermano che questa innovazione, denominata Electricity Stablecoin (E-Stablecoin), consentirebbe di trasmettere elettricità senza reti o cavi fisici, bensì tramite una stablecoin ancorata a un asset fisico: l’elettricità appunto.

Secondo gli scienziati, l’E-Stablecoin verrebbe coniata tramite l’immissione di un kilowattora di elettricità, oltre al pagamento di una commissione. La stablecoin potrebbe quindi essere utilizzata per le transazioni, oppure essere distrutta per estrarre energia. L’intero processo sarebbe controllato da smart contract, con un sistema di archiviazione dati decentralizzato in cloud. Non sarebbe pertanto necessaria alcuna autorità centralizzata per erogare e gestire l’asset.

Si tratterebbe della primissima stablecoin “hard-pegged,” in quanto scambiabile in maniera diretta con una quantità specifica di un asset fisico. I ricercatori hanno inoltre sottolineato che l’elettricità tende ad avere un prezzo e una domanda altamente stabili, e che l’elettricità utilizzata per coniare E-Stablecoin sarebbe facilmente sostenibile. Gli investitori potrebbero coniare E-Stablecoin nelle regioni in cui i prezzi dell’elettricità sono bassi, e poi bruciare i token dove l’elettricità è invece più costosa.

Si tratta tuttavia di un semplice proof-of-concept: per rendere E-Stablecoin una realtà, “saranno probabilmente necessari ulteriori progressi per aumentare la velocità, trasferire entropia e incrementare la scalabilità dei motori di informazione,” hanno spiegato Murialdo e Belof.

Potrebbero anche essere necessari sistemi di archiviazione in cloud migliorati, o alternative ad essi. Ad ogni modo, gli autori ritengono che questa ricerca potrebbe avere importanti implicazioni teoriche sul modo in cui le criptovalute traggono il loro valore.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews