sabato, Ottobre 1, 2022
Disponibile su Google Play
HomeScienzaEcco la foto più grande mai scattata da Hubble

Ecco la foto più grande mai scattata da Hubble

Un gruppo internazionale di astronomi ha diffuso la più grande immagine mai realizzata dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA, che permette agli astronomi di mappare le regioni dove si formano le stelle e di scoprire come hanno avuto origine le prime e più lontane galassie dell’Universo. 

Utile per webb. La fotografia è stata scattata nell'”infrarosso vicino”, vale a dire ad una lunghezza d’onda molto vicina a quella che i nostri occhi possono vedere, ma che non riescono ancora a percepire. L’immagine, denominata 3D-DASH, è ad altissima risoluzione e ciò permetterà al telescopio James Webb, lanciato a dicembre 2021 e arrivato nella sua destinazione definitiva qualche mese più tardi, di puntare il suo occhio su obiettivi molto lontani e unici. Un’anteprima dell’articolo che sarà pubblicato su The Astrophysical Journal è disponibile su arXiv. 

Spiega Lamiya Mowla, della Facoltà di Arti e Science’s Dunlap Institute for Astronomy & Astrophysics presso l’Università di Toronto e autore principale dello studio: «Dal suo lancio, avvenuto più di 30 anni fa, il telescopio spaziale Hubble ci ha permesso di studiare e di capire, almeno in parte, come sono cambiate le galassie negli ultimi 10 miliardi di anni. Il programma 3D-DASH permetterà di andare oltre e svelare i misteri che fino ad ora non siamo riusciti a comprendere». 

Le prime galassie. Grazie all’uso dell’infrarosso, l’occhio di Hubble è in grado di osservare le prime galassie che si formarono nell’Universo e che oggi risultano essere le più lontane.

Questo perché l’infrarosso stesso riesce a “penetrare” tra le polveri dell’Universo e a catturare la luce delle galassie primordiali che risulta, a causa del veloce allontanamento delle galassie stesse, come “stirata”, facendo passare nell’infrarosso lunghezze d’onda del visibile. 

E ora? Fino ad oggi immagini che racchiudono un campo così vasto dell’Universo (paragonabile a circa 6 volte la dimensione della Luna piena vista da Terra) erano state realizzate solo dalla Terra, ma possedevano una risoluzione piuttosto bassa. Quanto ha realizzato Hubble permetterà di puntare l’occhio del Webb Telescope su galassie lontanissime molto massicce oppure su buchi neri molto attivi o su galassie che sono sul punto di scontrarsi tra loro e fondersi in una sola. Con questa immagine, dicono gli astronomi, si darà il via ad un nuovo dello studio dell’universo.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews