sabato, Ottobre 1, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiarePolizze agricole in crescita del 5%. E ora si assicurano anche al...

Polizze agricole in crescita del 5%. E ora si assicurano anche al Sud

Ascolta la versione audio dell’articolo

Importante salto di qualità delle polizze in agricoltura nel 2021 grazie al passo avanti compiuto anche dalle regioni del Mezzogiorno, quelle finora più restie (complici condizioni climatiche meno difficili che al Nord) a ricorrere al sistema assicurativo in agricoltura. Ma evidentemente, tra le novità indotte dai cambiamenti climatici c’è anche nuovo approccio alle polizze da parte degli agricoltori del Sud. Risultati per giunta che fanno ben sperare in attesa che decolli il Fondo di mutualizzazione previsto dalla riforma della Pac a favore di tutti gli agricoltori e alimentato con una trattenuta del 3% degli aiuti diretti.

Sono i dati certificati dall’edizione 2022 del “Rapporto sulla gestione del rischio in agricoltura” messo a punto da Ismea (l’Istituto di servizi per il mercato e l’economia agraria vigilato dal ministero delle Politiche agricole), secondo cui per l’insieme delle polizze sulle colture vegetali, le strutture aziendali e le produzioni zootecniche si è registrato un nuovo massimo in termini di valori assicurati, con 8,9 miliardi di euro, che equivale a una crescita del 5% sul 2020.

Nel segmento delle colture vegetali, che con 6,5 miliardi di euro (+4,4%) concentra quasi tre quarti del portafoglio assicurativo, si osserva un ulteriore rafforzamento della partecipazione del Mezzogiorno, a conferma del graduale superamento del divario territoriale che caratterizza il mercato delle polizze agricole contro i rischi atmosferici, storicamente sbilanciato sulle regioni settentrionali.

Gli ultimi dati attribuiscono alla macro-ripartizione del Nord una quota di mercato ancora preponderante, pari all’80%, ma il Sud (Isole incluse) dal 7% di cinque anni fa si è portato al 12,2%, contro il 7,8% del Centro. Al termine della programmazione 2014-2022 – spiegano a Ismea – si registrano, tuttavia, ancora degli importanti margini di miglioramento soprattutto in termini di estensione delle coperture contro i rischi catastrofali sui quali il sistema sembra, al contrario, mostrare un graduale disimpegno che potrebbe mettere a repentaglio nel medio-lungo termine la resilienza delle aziende agricole a fronte di eventi estremi sempre più intensi.

Per quanto riguarda invece i costi assicurativi, i premi, in termini assoluti – secondo il rapporto di Ismea – hanno raggiunto l’anno scorso un picco di 610,8 milioni di euro, corrispondenti a una tariffa media nazionale che per il secondo anno consecutivo si è mantenuta sopra la soglia del 9%, con un aumento del 4,4% nominale rispetto al 2020 e un più 2,5% in termini reali (al netto dell’inflazione).

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews