mercoledì, Maggio 25, 2022
Disponibile su Google Play
HomeGossipUcraina, il primo soldato russo processato per crimini di guerra

Ucraina, il primo soldato russo processato per crimini di guerra

Sarà il primo soldato russo ad essere processato per crimini di guerra commessi in Ucraina. Vadim Shishimarin, sergente russo di 21 anni dell’unità 32010-quarta divisione Panzer Kantemirov della regione di Mosca, in base alla dichiarazione dell’ufficio del procuratore generale ucraino, il 28 febbraio avrebbe ucciso un civile disarmato di 62 anni che stava andando in bicicletta nel villaggio di Chupakhivka, nella regione nordorientale di Sumy.

«Stiamo avviando un processo non in contumacia, ma direttamente con la persona che ha ucciso un civile», ha spiegato la procuratrice generale Iryna Venediktova. «Shishimarin si trova fisicamente in Ucraina».

Sono considerati crimini di guerra le violazioni delle leggi che regolano il comportamento degli Stati durante i conflitti. Fra questi, l’attacco deliberato di civili, la tortura dei prigionieri, gli attacchi a ospedali e scuole.

Secondo le indagini del servizio di sicurezza ucraino ha stabilito che il 28 febbraio, Shishimarin è scappato con altri quattro soldati per fuggire alle forze ucraine. I militari, insieme, hanno sparato contro un’auto privata e l’hanno sequestrata, poi sono entrati a Chupakhivka. Ma lungo la strada si sono imbattuti in un uomo che stava tornando verso casa in bicicletta e uno dei militari ha ordinato a Shishimarin di ucciderlo perché non li denunciasse. Il comunicato del procuratore generale dice che «l’imputato ha sparato diversi colpi attraverso il finestrino dell’auto colpendo alla testa la vittima di 62 anni. L’uomo è morto sul colpo, a poche decine di metri da casa sua».

Facebook content

This content can also be viewed on the site it originates from.

Il soldato russo è accusato di violazione delle leggi di guerra e omicidio premeditato e la pena prevista va da 10 a 15 anni, fino all’ergastolo.

Dal giorno dell’invasione sono stati registrati più di 10.700 crimini dall’ufficio del procuratore generale dell’Ucraina. Alcuni sono stati archiviati, ma su altri, come quello di Vadim Shishimarin, sono state completate le indagini e stanno per cominciare i primi procedimenti.

Altre storie di Vanity Fair che ti possono interessare:

– Guerra in Ucraina

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews