sabato, Agosto 13, 2022
Disponibile su Google Play
HomeSportIl tedesco Kamna vince sull’Etna. Juan Pedro Lopez in rosa, cede Nibali

Il tedesco Kamna vince sull’Etna. Juan Pedro Lopez in rosa, cede Nibali

Ascolta la versione audio dell’articolo

Nella giornata dell’Etna, prima tappa in salita di questo 105esimo Giro d’Italia (arrivo a Rifugio Sapienza, 1892 metri), ci sono due senor Lopez al centro della scena.

Il primo è la nuova maglia rosa, il giovane spagnolo Juan Pedro Lopez, 24 anni, primo corridore iberico leader di classifica dai tempi (2011) del mitico Alberto Contador. A Juan Pedro, quando glielo dicono, quasi viene il magone. E la maglia rosa spagnola più giovane di sempre. «Una grossa emozione, questa maglia. Voglio portarla il più a lungo possibile perchè è la maglia più bella». È magro magro, Juan Pedro. Tutto fibra, ossa e muscoli. Pesa neanche 60 chili. Ricorda i grandi scalatori di una volta, che adesso nel ciclismo non vanno più di moda .

Tappa al ritrovato Kamna

Allo spagnolo il comando della classifica, al tedesco Lennard Kamna, 25 anni, la vittoria di tappa. I due, ultimi superstiti di una lunga fuga di giornata, a un paio di chilometri dal traguardo, si sono accordati alla buona per non intralciarsi a vicenda. Obiettivo raggiunto con piena soddisfazione di entrambi. Il tedesco, va detto, non è un pivello qualunque. Già vincitore di una tappa al Tour del 2020, stava per spiccare il grande salto. Diventare una nuova stella. Poi, forse per la pandemia, forse per quegli strani meccanismi che regolano la testa delle giovani promesse, qualcosa si è rotto. Un buio di due anni finalmente interrotto prima dal successo a una tappa del Tour of the Alps, poi da questa bella impresa nella tappa dell’Etna.

«Credo di essere tornato quello di una volta », ha detto Kamna con due occhioni felici. «Ora posso solo migliorare». L’altro senor Lopez, di cui si parlava all’inizio, è invece il colombiano Miguel Angel Lopez, quello che avrebbe dovuto essere, a questo Giro, il capitano dell’Astana, la squadra di Vincenzo Nibali. Purtroppo Lopez, pochi chilometri dopo la partenza di Avola, si è dovuto fermare per un dolore muscolare alla coscia sinistra che, secondo i medici, si è riacutizzato proprio qui al Giro.

Scopri di più

Inizio difficile per Nibali

Non è la prima volta che il colombiano ha dei guai in avvio di corsa. Già due anni fa, si era dovuto ritirare per una caduta nella crono d’apertura di Palermo. Forse, ha ironizzato qualcuno, soffre il caldo abbraccio della Sicilia. Il risultato però è che ora Nibali, 16esimo con più di 4 minuti di ritardo, deve tornare a fare l’uomo di classifica. Per lo Squalo non è un buon inizio. I big come Carapaz e Yates, sono due minuti più avanti. Ma il Giro è solo al principio, forse c’è ancora tempo per rimediare.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews