sabato, Agosto 20, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMisteroL'intero universo è intelligente, ogni nostro pensiero è connesso a mondi lontani

L’intero universo è intelligente, ogni nostro pensiero è connesso a mondi lontani

Cos’è la coscienza? Come funziona? Perché e come pensiamo? Di recente, il fisico Stuart Hameroff del Center for Consciousness Research dell’Università dell’Arizona ha avanzato una teoria rivoluzionaria che è così convincente e bella che sembra davvero risolvere il “ mistero dei millenni”.

Nel cervello si verifica un cosiddetto collasso quantistico – un fenomeno incredibilmente complesso – e di conseguenza nasce un pensiero. Ma poi il cervello risulta essere una specie di analogo dell’Universo. Oppure – un computer quantistico creato dalla natura , in grado di connettersi mentalmente con qualsiasi punto dell’universo e con qualsiasi civiltà, anche alla periferia della Galassia.

Mi piace anomalia.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

Scienza e filosofia hanno preso d’assalto il problema della coscienza da due lati. La scienza stava cercando un veicolo materiale del pensiero, per esempio un neurone. Si è scoperto che quando il cervello muore, scompare anche la coscienza.

La filosofia separava il “pensiero” dal cervello e lo rappresentava sia come un etere pieno di conoscenza (Vladimir Vernadsky e la sua noosfera), sia come un'”aura” attorno alla testa di una persona. Ma gli esperimenti con i sensitivi non hanno dato un risultato chiaro: a volte i medium hanno mostrato effetti sorprendenti, ma spesso non potevano fare nulla e molti si sono rivelati anche maghi.

E per tutto questo tempo, stranamente, la meccanica quantistica è rimasta in disparte. È strano – dopotutto, è proprio questo che opera con la “coscienza” fin dall’inizio. Diamo un’occhiata più da vicino a questo.

La meccanica quantistica è apparsa all’inizio del XX secolo. A differenza della teoria della relatività, che è stata creata da una persona, Albert Einstein, questa è una creazione collettiva. Nonostante la sua “stranezza”, è diventato immediatamente e per sempre la base della fisica, perché spiega in modo incredibilmente accurato ciò che sta accadendo intorno a noi.

La meccanica quantistica dice che normalmente materia ed energia sono in uno stato indefinito. Quindi, la luce è sia un’onda che un insieme di particelle (fotoni). Ma non appena l’osservatore (umano) interviene, la materia è “determinata”: la luce, ad esempio, diventa o un’onda o una particella, a seconda di ciò che da essa “ci si aspetta”.

Questo è il collasso della funzione d’onda (il termine è sfortunato, ma tutti ci sono abituati). I ricercatori radicali affermano che il mondo non esiste affatto finché non lo guardiamo. Altri affermano che il mondo intero è pieno di coscienza ed è un “osservatore”: sia il legno che la pietra hanno coscienza.

Nonostante l’ovvia stranezza, il collasso della funzione d’onda è facile da vedere nell’esperienza, come mostrato anche nelle aule di fisica avanzate delle scuole superiori. Quindi non ci sono dubbi.

Ma che cos’è la coscienza che cambia l’universo? Perché l’osservatore è così importante? Il fisico e matematico Roger Penrose di Oxford, membro della Royal Society di Londra, è stato il primo a sospettare che la coscienza abbia una natura quantistica.

Hameroff lavora con Penrose da 30 anni e vuole capire esattamente come funziona. Il fatto è che la teoria quantistica della coscienza è un po’… poco scientifica, e permette la telepatia, la lettura del pensiero, la comunicazione con l’antica quercia e gli spiriti degli antenati, cioè tutto ciò a cui si abbandonano i mistici.

E questo in qualche modo non va bene, perché non ha senso nei mistici. Se postuli cose così incredibili, devi spiegarle scientificamente. Ed ecco cosa ha fatto.

Penrose si rese conto che ogni particella dell’universo è solo una curvatura nello spazio-tempo di Einstein. Quando una tale curvatura o “bolla” scoppia, si verifica il collasso quantico ed emerge la coscienza.

Ma nel suo modello la coscienza nasceva come se fosse spontanea e non potesse dar luogo a senso e memoria. L’universo era chiaramente “pensante”, ma come uno scolaro che guarda fuori dalla finestra la lezione: prima su una cosa, poi su un’altra.

Hameroff ha suggerito che i neuroni del cervello organizzino queste bolle dello spazio-tempo in modo che i loro schiocchi formino qualcosa di simile alla musica . Questa musica contiene pensiero, memoria, informazioni. Il filosofo Pitagora nel VI secolo aC disse quasi la stessa cosa. Come faceva a saperlo? Lasciamo questa domanda.

L’ipotesi di Hameroff è stata accolta con scetticismo: i computer quantistici che esistono oggi operano a temperature bassissime in un ambiente sterile; Le transizioni quantistiche possono avvenire all’interno di un cervello caldo e umido? Ora Hameroff è stato in grado di risolvere tutti i dubbi. Ed ecco cosa ottiene.

La luce stessa è coscienza. Si pensava che un osservatore cosciente “costringesse” la materia a prendere una decisione. Ora è chiaro che è vero il contrario: la transizione quantistica, al contrario, genera coscienza.

“Le antiche tradizioni caratterizzavano la coscienza come luce. Le figure religiose erano spesso raffigurate con “aureole” o aure luminose. Divinità indù – con pelle blu brillante. In molte culture, coloro che si sono “risvegliati alla verità” sono “illuminati”, scrive Hameroff nel suo ultimo articolo.

Hameroff ha presentato una ripartizione completa di come funziona a livello di fotoni, atomi, molecole e neuroni, quali reazioni chimiche e sostanze sono coinvolte nella “creazione” della coscienza.

Segni dell'universo

La conclusione più importante deriva dalla sua teoria: la coscienza ha preceduto la vita.

“La scienza e la filosofia convenzionali suggeriscono che la coscienza sia emersa ad un certo punto dell’evoluzione, forse non più tardi dell’avvento del cervello e del sistema nervoso. Ma le tradizioni spirituali orientali, il panpsichismo e la teoria della riduzione oggettiva di Roger Penrose suggeriscono che la coscienza ha preceduto la vita”, scrive Hameroff.

E queste tradizioni si sono rivelate giuste (di nuovo, come lo sapevano gli antichi?). Hameroff descrive in dettaglio l’universo primordiale, pieno della luce del Big Bang: l’universo era allora una megamente. Ma poi la sostanza divenne torbida e iniziò un periodo di incoscienza. Quando finì, cominciarono ad apparire molecole complesse. Con il loro aiuto, l’Universo iniziò a “pensare” in modo più chiaro e preciso.

Pertanto, l’intero universo è cosciente perché la coscienza segue direttamente dalla meccanica quantistica e dalla relatività. L’uomo è “più cosciente” della pietra solo perché i neuroni del cervello sono un ambiente più conveniente per la transizione quantistica rispetto alla struttura cristallina della pietra o delle fibre di legno, ma l’uomo non è sicuramente l’unico, e certamente non il primo essere pensante.

Solo pensando qualcosa, accendiamo (non “noi”, si accende) una transizione quantistica che ci connette a qualsiasi punto dell’Universo e a qualsiasi mente complessa che esiste ovunque.

Noi siamo l’Universo e l’Universo siamo noi.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews