mercoledì, Maggio 25, 2022
Disponibile su Google Play
HomeCulturaIl Liceo classico guarda al futuro

Il Liceo classico guarda al futuro

Ascolta la versione audio dell’articolo

Che ruolo sociale, politico e culturale riveste oggi il liceo classico? La domanda non rimane inevasa, per una volta. Due insigni studiose di Letteratura greca, Liana Lomiento e Antonietta Porro, intervistano «ex alunni eccellenti», capaci di brillare in svariati ambiti — dall’economico-giuridico e all’artistico —, anche grazie al «percorso metodologicamente rigoroso» impartito da una scuola superiore d’impronta umanistica.

Ciò che le curatrici vogliono evidenziare in Liceo classico: un futuro per tutti è proprio l’idea di un «nuovo umanesimo»: «Il nostro obiettivo — scrivono nell’introduzione — non è apologetico né propagandistico: come abbiamo più volte ricordato, non è nostra intenzione dimostrare che il liceo classico sia la scuola perfetta. Desideriamo piuttosto che la ricchezza sorprendente delle osservazioni offerte dalle persone intervistate possa costituire sollecitazione per riflessioni ulteriori, da parte degli studenti, delle loro famiglie, degli insegnanti e dei dirigenti scolastici, di tutti gli interessati a questi temi».

Consapevolezza

Insomma, il liceo classico non ha bisogno di difesa ma di consapevolezza: le sfide di una società sempre più mutevole richiedono la decisa presenza di «educazione al pensiero» tipica della grecità e della latinità. All’interrogativo «consiglierebbe ai giovani una formazione umanistica, e il liceo classico in particolare?», ad esempio, monsignor Delpini risponde (non a caso): «La ragione di questa proposta è la consapevolezza della importanza della conoscenza e del distanziamento critico rispetto alla cultura che ha dato forma alla nostra civiltà. Da questa tradizione culturale, attraverso tribolazioni e molteplici contributi, è stata configurata la visione della persona umana che ereditiamo, la responsabilità per la democrazia e la convivenza civile dei popoli, la relatività delle istituzioni e l’importanza di una visione europea e cosmopolita per la sopravvivenza dell’umanità».

Eredità, tradizione, responsabilità. Ma non solo. «C’è poi un ruolo specifico della traduzione del greco e del latino — suggerisce altresì il fisico Giudo Tonelli — che non solo è fonte di informazione preziosa sul mondo classico, ma è una vera e propria palestra di rigore e di esercizio della logica».

Scopri di più
Scopri di più

È chiaro, d’altronde: una «preparazione scientifica d’eccellenza» non può fare a meno del liceo classico.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews