sabato, Agosto 13, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareFuocomatto a Firenze: recensione - Dissapore

Fuocomatto a Firenze: recensione – Dissapore

recensione

La nostra recensione di Fuoco Matto a Firenze, pizzeria fra la stazione e il centro storico che si allontana dai canoni turistici: tutto quel che dovete sapere prima di andarci.

  • Home
  • Pizzerie
  • Fuoco Matto a Firenze, recensione: non è mai scontato trovare un posto in cui torneresti

Ospitalità: è sicuramente questa la parola che meglio rappresenta l’esperienza Fuoco Matto. Pizzeria calabrese nei pressi della stazione centrale, è situata a due passi da Piazza Indipendenza e quindi in una zona piuttosto turistica della città di Firenze, ma ciò non significa per forza che debba offrire un prodotto di basso livello e un servizio poco curato. Tutt’altro.

Ambiente e servizio

Fuoco Matto Firenze

In questo locale poliedrico con un’offerta a 360° fra pizza, cucina e carni alla griglia, in linea con gli altri ristoranti del gruppo come La Vetreria o Cucina Conviviale, veniamo subito accolti dal classico Prosecco e da un assaggio di panuozzo in qualità di benvenuto. Un gesto semplice ma spontaneo, una tradizione che ben rappresenta il caloroso servizio “meridionale” del personale di sala. Gli stessi spazi di Fuoco Matto aiutano a sentirsi a proprio agio. Sono ariosi e colorati, versatili, con la possibilità di concedersi una cena romantica, far baccano con gli amici o passare una serata in compagnia di tutta la famiglia, anche dei più piccoli (c’è addirittura una sala giochi). Aggiungiamone pure una quarta, visto che a me – proprio a margine di questa cena – è toccato conoscere il nuovo fidanzato di mia suocera. E come rompere il ghiaccio, se non con una buona pizza in un posto che già conosci?

Vini e birre

Per evitare domande scomode, la “missione pizza in incognito” inizia appena ci sediamo. Scannerizzo il codice QR e mi lancio a capofitto sul telefono come quando alle superiori la professoressa doveva decidere chi interrogare. Sono soddisfatto e mi stupisco anche stavolta per l’ampia e ricercata proposta beverage. Insieme a una carta vini abbastanza fornita fra Calabria e resto d’Italia, con una predilezione per gli Orange Wine e uno speciale “vino del mese” a girare, anche la selezione di birre artigianali resta convincente grazie alla collaborazione con diversi birrifici della Toscana. Convinco così i miei due parenti acquisiti a scegliere una birra artigianale al radicchio rosso che avevo già provato in passato, una bevuta di carattere ma con una nota bitter non troppo persistente, mentre io e mia moglie optiamo per due calici di Lambrusco (il vino di questo mese). La sua bollicina, insieme alla giusta acidità, finirà per spegnere con successo il piccante delle nostre pizze e ripulirci il palato a ogni sorso.

La pizza

Fuoco Matto Firenze

Ma veniamo alla pizza, regina indiscussa di Fuoco Matto. Lo stile , chiaro e riconoscibile, è quello napoletano. Detto altrimenti: cornicione alto e rigonfio, elastico ma mai gommoso. La pizza, cotta nel forno a legna che si vede fin dalla vetrina del locale, risulta asciutta e di buona qualità. Il passo indietro rispetto all’ultima volta in cui ci eravamo stati sta però nel fatto che non esiste più una scelta multipla fra impasto tradizionale e semi-integrale. O per lo meno, in quest’occasione non ci è stato chiesto di scegliere, così come non ci sono state fornite informazioni sulla lievitazione dell’impasto. Le proposte a disposizione dei clienti sono essenzialmente tre: le pizze classiche, le pizze storiche di Fuoco Matto e le pizze degustazione, da condividere e servite a tranci. Viste le origini calabresi del ristorante, che organizza spesso anche serate a tema per celebrare l’ enogastronomia della sua terra, scegliamo senza troppi dubbi la “Burrata e ‘Nduja”: base bianca con mozzarella fior di latte di Boiano (sfiziosa e molto instagrammabile perché viene fatta sciogliere sulla pizza direttamente ai commensali), filetti di San Marzano DOP Virtuana 1934, burrata, origano selvatico, ‘nduja di suino Nero di Calabria, basilico e olio evo. Il manifesto più autentico del concept di Fuoco Matto, insieme alla “Positano Rivistata” (scelta da mia moglie) con provola affumicata, fiordilatte, ‘nduja di suino nero, fiori di zucca, filetti di San Marzano, olio extravergine d’oliva e basilico. Due pizze che raccontano l’attenzione riservata a ogni singolo ingrediente e ne giustificano il prezzo, comunque nella media se parliamo di pizze gourmet a Firenze: 13 euro la prima, 11 la seconda. Ribadiamo per correttezza di essere già stati varie volte a mangiare qui (vi sfidiamo a trovare un ristorante in cui tornare più volte oggigiorno), ma questo ci è utile per presentarvi nel dettaglio anche le due pizze più tradizionali di Fuoco Matto: Marinara e Margherita, entrambe di buona fattura grazie in particolare all’acidità e freschezza del pomodoro San Marzano DOP e alla cremosità della mozzarella fiordilatte Di Boiano, seppur qualche volta eccessivamente sbruciacchiate sul cornicione.

I dolci

Fuoco Matto Firenze

Se la tensione che questa convenzione sociale si portava dietro è progressivamente svanita, il merito va anche al ristorante, ai suoi giusti tempi d’attesa e al sorriso dei camerieri. Altrimenti non avremmo certo prolungato la cena col dolce. La carta dessert è tutta improntata sulle proposte del giorno, con dolci fatti in casa che vedono spiccare leggermente sopra la media il Tiramisù e una crostata di mele calda servita con gelato. A concludere, come da tradizione, caffè, amaro e quella domanda forse scontata ma qui genuinamente sincera: “Come siete stati?”. Perché l’ospite va coccolato da quando arriva a quando se ne va e Fuoco Matto ci riesce bene, anzi benissimo.

Fuoco Matto Firenze

Opinione

ristoranti
pizzerie

La pizza di Fuoco Matto non sarà la migliore di Firenze, seppur valida opzione per chi ama lo stile napoletano, ma il più grande merito di questo locale è quello di riuscire a ripetere sempre la medesima esperienza. Il servizio è attento e caloroso, le pizze costantemente di buona fattura e gli spazi adatti a ogni tipo di occasione. Consigliato tanto per una cena intima quanto per una cena di gruppo, grazie alla sua duttilità e alla sua ampia scelta di pizze (ma anche primi e carni). Preferibili le pizze gourmet rispetto a quelle classiche, interessanti e ricercati il wine pairing (nel nostro caso il Lambrusco) e la carta delle birre artigianali.

  • Pizzeria molto ospitale, ottimo rapporto qualità-prezzo
  • Non è più possibile scegliere il tipo di impasto
Fuocomatto-sala

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews