martedì, Agosto 9, 2022
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaNonostante il dip, i trader non sembrano ancora interessati a comprare

Nonostante il dip, i trader non sembrano ancora interessati a comprare

La capitalizzazione di mercato complessiva si muove all’interno di un canale discendente da 24 giorni; il 6 maggio è stato nuovamente testato il supporto a 1.650 miliardi di dollari. Questa contrazione è dovuta al fatto che Bitcoin (BTC) è scivolato a quota 35.550$, il prezzo più basso degli ultimi 70 giorni.

Market cap complessivo del mercato crypto, in miliardi di USD. Fonte: TradingViewMarket cap complessivo del mercato crypto, in miliardi di USD. Fonte: TradingView

In termini di performance, la capitalizzazione di mercato aggregata di tutte le criptovalute è scesa del 6% negli ultimi sette giorni. Peggiori le prestazioni di alcune altcoin a media capitalizzazione, che nello stesso arco temporale hanno perso il 19% o più.

Le altcoin hanno sofferto maggiormente

Negli ultimi sette giorni, il prezzo di Bitcoin è sceso del 6% e quello di Ether (ETH) del 3,5%. Ma se si osserva al di sotto dei principale asset digitali, si assiste a un vero e proprio bagno di sangue.

Principali vincitori e perdenti dell'ultima settimana, prime 80 criptovalute. Fonte: NomicsPrincipali vincitori e perdenti dell’ultima settimana, prime 80 criptovalute. Fonte: Nomics

Vi è tuttavia qualche eccezione. Tron (TRX) ha guadagnato il 26,9% dopo che il 5 maggio TRON DAO ha lanciato USDD, una stablecoin decentralizzata. La stablecoin algoritmica è collegata a Ethereum e BNB Chain (BNB) attraverso il protocollo cross-chain BTTC.

1inch (1INCH) ha guadagnato il 5,6% dopo che l’applicazione di governance dell’exchange decentralizzato è divenuta leader sul network Polygon (MATIC) completando 6 milioni di swap.

STEPN (GMT), il token nativo dell’omonima app move-to-earn, ha perso il 35,7% del proprio valore dopo un rally del 70% fra il 18 e il 28 aprile. Simile movimento anche per Apecoin (APE), dopo un pump del 94% tra il 22 aprile e il 28 aprile.

Il Tether Premium è divenuto negativo

L’OKX Tether (USDT) Premium misura la domanda proveniente dagli utenti retail in Cina, nonché la differenza fra i trade peer-to-peer in Cina e il dollaro statunitense.

Un’eccessiva domanda pone questo indicatore al di sopra del suo valore equo di 100%. È tuttavia accaduto l’esatto contrario: il mercato ribassista ha causato un eccesso di offerta di Tether, causando una riduzione di circa l’1%.

Tether Premium. Fonte: OKX

L’OKX Tether Premium ha raggiunto un picco dell’1,7% il 30 aprile, indicando una domanda in eccesso da parte dei trader retail. Questo parametro è tuttavia sceso allo 0% nei successivi cinque giorni.

Più recentemente, nelle prime ore del 6 maggio, il Tether Premium è divenuto negativo dell’1%: il sentiment degli investitori è notevolmente peggiorato quando Bitcoin è sceso sotto i 37.000$.

I mercati dei futures mostrano un sentiment contrastante

I contratti perpetui, noti anche come inverse swap, presentano una tariffa incorporata che di solito viene addebitata ogni otto ore. Gli exchange utilizzano queste commissioni per evitare squilibri nel rischio di cambio.

Un funding rate positivo indica che i long (acquirenti) richiedono una maggiore leva finanziaria. La situazione opposta si verifica quando gli short (venditori) richiedono una leva aggiuntiva, facendo sì che il funding rate diventi negativo.

Funding rate dei futures perpetui a sette giorni. Fonte: CoinglassFunding rate dei futures perpetui a sette giorni. Fonte: Coinglass

Come mostrato sopra, il funding rate a sette giorni è leggermente positivo per Bitcoin ed Ether. I dati indicano una domanda leggermente superiore da parte dei long (acquirenti), ma nulla che costringerebbe i trader a chiudere le proprie posizioni. Ad esempio, un tasso settimanale positivo dello 0,15% equivarrebbe allo 0,6% mensile, quindi è improbabile che causi danni.

D’altra parte, il funding rate dei futures perpetui a sette giorni delle altcoin è stato del -0,30%. Questo tasso è equivalente al -1,2% al mese, e indica una maggiore domanda da parte degli short (venditori).

La debole domanda da parte degli utenti retail, come indicato dai dati dell’OKX Tether Premium, e il funding rate negativo per le altcoin sono segnali del fatto che i trader non sono interessati ad acquistare a questi livelli. Sembra che i potenziali acquirenti stiano attendendo ulteriori cali prima di procedere, ed è quindi probabile che seguiranno altre correzioni di prezzo.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews