mercoledì, Maggio 18, 2022
Disponibile su Google Play
HomeGossipDavid Beckham «presta» il suo profilo Instagram a Iryna, dottoressa ucraina

David Beckham «presta» il suo profilo Instagram a Iryna, dottoressa ucraina

I profili social di David Beckham testimoni del lavoro dei medici ucraini a Kharkiv.  «Oggi consegno i miei canali social a Iryna, la responsabile del Centro regionale perinatale di Kharkiv, in Ucraina, dove sta aiutando le madri a partorire in sicurezza», ha detto il calciatore in un video su Instagram. «Guardate nelle mie storie per scoprire di più sul meraviglioso lavoro di Iryna e di tutti i sanitari che come lei lavorano per salvare vite in Ucraina»

Instagram content

This content can also be viewed on the site it originates from.

Cedendo il suo profilo da 71,6 milioni di followers, Beckham ha voluto così dare una spinta alla raccolta fondi per l’Unicef, di cui lui è ambassador, e fornire un sostegno pratico e immediato alla popolazione. Finora, i Beckham hanno già donato due milioni di dollari di tasca propria, e allo scoppio del conflitto si sono subito mobilitati per raccogliere aiuti. «Grazie alle vostre donazioni, sono già stati forniti generatori di ossigeno che permetteranno ai neonati di sopravvivere», ha detto ancora nel video .

Ma non è solo una questione di soldi. Permettendo alla dottoressa di dare la sua testimonianza e raccontare in prima persona quello che accade nel suo ospedale e nella sua città, Beckham ha consentito anche di mostrare – senza propaganda, senza controlli e senza filtri – cosa realmente sta accedendo in Ucraina.  Mettendo a tacere chi mette in dubbio perfino i bombardamenti.

Nelle storie pubblicate, la dottoressa Iryna ha mostrato le impressionanti immagini del modo in cui lei e il suo staff stanno lavorando, con le pazienti e i neonati ricoverati in uno scantinato adattato ad ospedale di fortuna. «Nel primo giorno di guerra in tre ore abbiamo evacuato la clinica e portato le puerpere nel seminterrato», ha raccontato Iryna, aggiungendo che invece i bambini in terapia intensiva sono dovuti rimanere nel centro perché possono sopravvivere solo attaccati a macchinari che non possono essere spostati. «Richiamo la vita ma non ci pensiamo, amiamo il nostro lavoro», ha poi concluso.

«Per favore continuate a sostenere queste persone incredibili insieme a Unicef o in qualunque modo riusciate», ha chiesto David Beckham ai suoi followers: «Insieme possiamo fare la differenza».

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews