domenica, Maggio 22, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMisteroAll'interno della Grande Piramide di Giza sono state scoperte due enormi camere...

All’interno della Grande Piramide di Giza sono state scoperte due enormi camere segrete

Gli archeologi hanno scoperto due enormi camere segrete all’interno della Grande Piramide di Giza, in Egitto, che secondo loro potrebbero nascondere la tomba perduta del mitico faraone Cheope. Lo riporta il Daily Star.

Due stanze segrete sono state scoperte dagli archeologi all’interno della Grande Piramide di Giza grazie a potenti scanner.

Mi piace anomalia.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

La Grande Piramide di Giza (conosciuta anche come Piramide di Cheope o Piramide di Cheope) è la più antica e la più grande delle piramidi del complesso piramidale di Giza al confine con l’attuale Giza nella Grande Il Cairo, in Egitto. È la più antica delle Sette Meraviglie del Mondo Antico e l’unica a rimanere in gran parte intatta.

Gli egittologi concludono che la piramide fu costruita come tomba per il faraone egiziano della quarta dinastia Cheope e stimano che sia stata costruita nel 26° secolo aC per un periodo di circa 27 anni.

Gli archeologi ritengono che uno dei vuoti sia lungo tra 30 metri e largo 6 metri. Sperano che le nuove immagini mostreranno il vero scopo delle telecamere.

Gli archeologi della Cornell University hanno dichiarato: “Abbiamo in programma di creare un sistema telescopico che sia 100 volte più sensibile dell’attrezzatura utilizzata di recente nella Grande Piramide”.

“Poiché i rivelatori proposti sono molto grandi, non possono essere posizionati all’interno della piramide, quindi intendiamo posizionarli all’esterno e lungo la base. In questo modo, possiamo raccogliere muoni da tutte le direzioni per creare il set di dati necessario”.

A differenza degli elettroni, i muoni reagiscono in modo diverso con l’aria e la roccia e quindi possono essere mappati. Ciò significa che gli scienziati possono notare eventuali vuoti o aria negli edifici in pietra.

Gli archeologi sperano che questa tecnologia li aiuterà a trovare rari manufatti all’interno dei vuoti.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews