domenica, Maggio 22, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareUcraina, la pizzeria napoletana di Ternopil che ospita i profughi

Ucraina, la pizzeria napoletana di Ternopil che ospita i profughi

Yuri Feridova è il proprietario di una pizzeria napoletana a Ternopil, in Ucraina, dove accoglie i profughi della guerra.

  • Home
  • Notizie
  • Ucraina, la pizzeria napoletana di Ternopil che ospita i profughi

Yuri Feridova ha vissuto e lavorato a Napoli per 11 anni, durante i quali ha imparato ad amare il capoluogo campano al punto da portarsene un pezzettino fino a Ternopil, in Ucraina. Proprio qui ha deciso di costruire il suo angolo partenopeo, la Pizzeria Sorrento, dove oggi accoglie e ospita i profughi della guerra.

La decisione e le azioni di Yuri, già di per sé eroiche, diventano ancora più notevoli se consideriamo che potrebbe tornare in Italia, al riparo dalle bombe dell’esercito russo, ma preferisce restare nella sua patria per dare il suo contributo. “Ho amici a Napoli che possono ospitarmi e che mi farebbero anche lavorare, ma non me la sento” ha raccontato a un’intervista al Corriere della Sera. “Qui posso aiutare ancora tante persone e non me ne vado fino a quando posso essere utile. E poi a Ternopil ho costruito la mia pizzeria, con tanti sacrifici. Questa è la mia terra, c’è la mia famiglia, mia moglie, i miei genitori e le mie nipotine, non potrei mai lasciarli qui”.

Pizza

Ternopil si trova nell’ovest del Paese, solo recentemente entrata nel mirino russo: nonostante anche qui, di notte, la sirena continui a spezzare il fiato e il sonno, per i profughi dell’est rimane l’unica via di fuga verso l’Europa. A queste persone Yuri può offrire un tetto, del buon cibo , una doccia calda e soprattutto l’illusione di un momento di normalità. “Le vittime di questa guerra sono proprio i bambini” racconta Yuri. “Non solo quelli uccisi ma anche quelli che sopravvivono, perché portano addosso i segni psicologici di questo dramma. Un bambino di 6 anni che ospitiamo qui da noi, fuggito con la mamma da una delle città assediate, non cammina più eppure non è stato colpito da un proiettile o da una scheggia. È bloccato dallo shock”.

Il grande cuore di Yuri può fare molto, ma non è sufficiente a risolvere il conflitto. A tal proposito, lui preferisce rivolgersi direttamente al popolo russo: “Non credete a quello che vedete in tv o in radio”, dice. “Guardate cosa ci sta facendo il vostro esercito, informatevi davvero, uscite dalle case, scendete in piazza, ribellatevi e mandate a casa Putin“.

Fonte:
Corriere della Sera

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews