domenica, Maggio 22, 2022
Disponibile su Google Play
HomeNotiziePorto Cervo, tra cuochi, camerieri e vigilanti licenziati dai magnati russi: “Addio...

Porto Cervo, tra cuochi, camerieri e vigilanti licenziati dai magnati russi: “Addio paghe super”

PORTO CERVO –  I russi, che diavoli. Mille ne pensano, anche di imbavagliare i loro lavoranti come questo Gigi, giardiniere fisso in grande tenuta di oligarca innominabile: “Vorrei urlare contro il padrone, mi ha appena licenziato, quello str…”, dice sulla strada per Porto Cervo, appoggiato al furgone con scale e attrezzi e schiumante rabbia. “Mi chiamano venerdì: la proprietà è sotto sequestro, il tuo contratto si ferma lunedì”.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews