mercoledì, Maggio 18, 2022
Disponibile su Google Play
HomeGossipOlga Kharlan, il viaggio della campionessa ucraina per ritrovare la sua famiglia

Olga Kharlan, il viaggio della campionessa ucraina per ritrovare la sua famiglia

Un viaggio lungo, complicato e pericoloso, in direzione opposta a quella verso la quale si sono incamminati centinaia di migliaia di ucraini in fuga dalla guerra. Davanti alle notizie che arrivavano dal suo Paese, Olga Kharlan, straordinaria campionessa di scherma, probabilmente la più forte sciabolatrice al mondo, ha deciso di partire per tornare indietro dalla sua famiglia, riuscita a fuggire da Kiev verso la parte occidentale dell’Ucraina. E ha documentato questo suo viaggio con un reel pubblicato sul suo profilo Instagram.

Instagram content

This content can also be viewed on the site it originates from.

Sei volte campionessa del mondo, otto volte campionessa europea, un oro olimpico a squadre, Olga Kharlan fa la spola da qualche anno tra Kiev e Bologna, dove convive col compagno Luigi Samele, doppia medaglia d’argento nella sciabola maschile a Tokyo 2020. Da Bologna è partita, con un volo fino a Sibiu, in Romania. Accolta e aiutata dal Comitato olimpico rumeno, è arrivata quasi fino al confine, ma la sua famiglia non è riuscita a raggiungerla, fermandosi a Vinnytsia, città da 370 mila abitanti.

Kharlan ha aspettato pazientemente per una notte, la mattina dopo si è alzata decisa a passare il confine a piedi. Mentre camminava da sola verso l’Ucraina, dalle parti di Černivci vedeva i suoi connazionali muoversi nella direzione opposta. Un viaggio lunghissimo, carico di preoccupazione e paura, il tempo di un abbraccio a mamma e papà per poi ripartire con la sorella Tanya e il nipotino. Il padre di Olga Kharlan, infatti, ha 59 anni, ed è obbligato dalla legge marziale a non lasciare il Paese per rispondere a un’eventuale chiamata da parte dell’esercito. La moglie ha deciso di restargli accanto.

Instagram content

This content can also be viewed on the site it originates from.

Le sorelle Kharlan sono dunque ripartite, passando di nuovo il confine per arrivare fino a Budapest, dove è andato a prenderle Samele. Da qui un altro viaggio, alla volta di Bologna, con il cuore ancora gonfio di preoccupazione per i genitori. Kharlan e Samele sono anche tra i promotori di una raccolta fondi avviata qualche giorno fa in collaborazione con altri colleghi schermidori (gli italiani Paolo Pizzo ed Enrico Garozzo, la fidanzata estone di quest’ultimo Erika Kirpu) per aiutare i colleghi ucraini. Un crowdfunding che al momento ha già superato quota 40 mila euro e che si propone di sostenere gli atleti durante e dopo la crisi militare e umanitaria che ha colpito il loro Paese.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews