mercoledì, Maggio 25, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiarePasta, l’allarme non viene dalla mancanza di grano ma da caro energia...

Pasta, l’allarme non viene dalla mancanza di grano ma da caro energia e speculazione

Ascolta la versione audio dell’articolo

Non è la guerra in Ucraina a mettere in crisi i pastifici, ma l’effetto combinato dei cambiamenti climatici, della speculazione internazionale e della corsa all’accumulo di beni essenziali da parte di alcuni Stati. A fare chiarezza sono i pastai di Unione Italiana Food, l’associazione che riunisce le 450 aziende aderenti ad Aidepi (Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane) e Aiipa (Associazione italiana industrie prodotti alimentari), con 65mila addetti e 40 miliardi di fatturato.

Il settore della pasta (120 aziende, molte di tradizione centenaria, che danno lavoro a oltre 10mila persone) da mesi attraversa una crisi senza precedenti. «In un’economia globale – spiega Luigi Cristiano Laurenza, segretario dei Pastai italiani di Unione Italiana Food – le oscillazioni di una commodity trascinano inevitabilmente le altre, per questo non possiamo purtroppo escludere che il conflitto possa avere effetti indiretti anche sulla pasta».

Ma i principali imputati di questa crisi, al momento, sono altri. «Il prezzo del grano duro – dice Laurenza – è sì stabile da qualche settimana, ma deriva da un aumento dell’80% negli ultimi 12 mesi per l’effetto combinato di cambiamenti climatici, speculazione internazionale e corsa all’accumulo di beni essenziali. Senza contare che al rincaro delle materie prime si sono accompagnati, negli ultimi sei mesi, aumenti dei costi energetici (con un’inflazione sugli energetici di oltre il 28% da inizio anno), petrolio (ai massimi dal 2014) e materiali da imballaggio, che ha costretto le aziende a una serie di sforzi per fronteggiare gli inevitabili aumenti in termini di costi di produzione e di prezzo del prodotto a scaffale».

Ha pesato anche lo sciopero dei trasportatori. «“A febbraio – spiega Laurenza – alcune aziende sono state costrette a chiudere temporaneamente le proprie linee di produzione per mancanza delle materie prime, o per impossibilità di consegnare il prodotto finito, causando danni per milioni di euro non solo alle imprese ma a tutto il tessuto sociale che ruota attorno a esse».

D’altronde, dati alla mano, dall’Ucraina non è stato importato grano duro nel 2021, mentre quello arrivato dalla Russia nello stesso periodo rappresenta meno del 3% delle importazioni e meno dell’1% sul fabbisogno totale dei pastai. L’Ucraina – ricorda l’associazione che riunisce oltre venti settori merceologici – è tra i principali produttori di grano tenero, materia prima da cui si ricava la farina utilizzata come ingrediente di pane, dolci, pizza o mangimi per animali. Ma non della pasta».

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews