domenica, Maggio 22, 2022
Disponibile su Google Play
HomeNotizieScuola, ecco le date del concorso ordinario per i docenti di medie...

Scuola, ecco le date del concorso ordinario per i docenti di medie e superiori: dal 14 marzo al 13 aprile, attesi 400.000 candidati

ROMA – Ecco il concorso ordinario per la scuola, dopo tanta attesa. Sono state pubblicate, sul sito del ministero dell’Istruzione, le date delle prove per l’ordinario della scuola secondaria: si terranno dal 14 marzo al 13 aprile e coinvolgeranno 400.000 candidati.

Bandito il 20 aprile 2020, le domande per questo concorso sono state presentate entro il 31 luglio 2020. La lunga fase Covid ne ha rallentato il prosieguo. Il concorso prevede, secondo quanto introdotto dal Decreto Sostegni bis, un’unica prova scritta con più quesiti a risposta multipla, destinati all’accertamento delle conoscenze e delle competenze del candidato sulla disciplina della classe di concorso per la quale partecipa, nonché sull’Informatica e la Lingua inglese. La prova è valutata 100 punti e viene superata da coloro che conseguono il punteggio minimo di 70.

Seguirà, quindi, una prova orale e il punteggio che formerà la graduatoria finale terrà conto, ovviamente, della valutazione dei titoli.

Scuola, concorso per Matematica e Fisica: nove su dieci non passano lo scritto

di

Corrado Zunino

06 Luglio 2021

Secondo le intenzioni di questo ministero, i concorsi per docenti dovranno diventare regolari e continui. Ad oggi, sotto questo esecutivo si è concluso il contestato concorso straordinario voluto dall’ex ministra Lucia Azzolina. Quindi, nella prima estate si è svolto lo stralcio dall’ordinario per la parte Stem (discipline scientifiche) e in autunno il concorso ordinario per l’infanzia e la primaria. Inoltre, c’è stata una procedura selettiva straordinaria che ha riguardato un numero limitato di precari e che ha lasciato irrisolto questo grande nodo della scuola italiana.

Scuola, al via il 13 dicembre il concorso per infanzia e primaria

23 Novembre 2021

Ora si lavora alla nuova modalità di reclutamento e formazione che coinvolge l’università, da una parte, e dall’altra affronterà la questione del precariato italiano. Quest’ultima fase, nuovo reclutamento e formazione, è all’interno del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Argomenti

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews