mercoledì, Gennaio 26, 2022
Disponibile su Google Play
HomeScienzaDiabete: risultati promettenti da una sperimentazione

Diabete: risultati promettenti da una sperimentazione

Brian Shelton, uno statunitense di 64 anni affetto da diabete di tipo 1 è la prima persona al mondo ad essersi sottoposto a una terapia sperimentale messa a punto da Doug Melton, biologo dell’università di Harvard: nel suo specifico caso, grazie all’infusione di cellule (sviluppate a partire da staminali) che simulano quelle del pancreas e producono insulina, pare che ora il suo corpo riesca a regolare da solo i livelli di zucchero nel sangue. La notizia, riportata dal New York Times, ha inevitabilmente suscitato entusiasmi e speranze, ma gli esperti frenano: i primi dati sulla sperimentazione sono promettenti, ma gli studi non sono terminati né sono stati ancora sottoposti a revisione – ossia verificati da esperti non coinvolti nella ricerca.

Una lunga ricerca. Ci sono voluti vent’anni e 50 milioni di dollari per riuscire a convertire le cellule staminali in pancreatiche, e altri cinque anni per capire come produrle in grandi quantità con un metodo facilmente replicabile. Fino ad ora l’unico modo per una persona affetta da diabete di tipo 1 di dire addio alle punture di insulina era ricevere un trapianto di pancreas o di cellule pancreatiche (dette insulari), ma la scarsità di donatori rende questa soluzione una speranza remota per la maggior parte dei malati.

Percentuali di diabetici nel mondo

L’immagine mostra la percentuale di diabetici in tutto il mondo: entro il 2045 si stima che aumenteranno dappertutto.
© International Diabetes Federation | Statista

Dopo essere riuscito a ricreare in laboratorio le cellule insulari, Melton ha dovuto cercare un’azienda farmaceutica che credesse nel progetto e desiderasse finanziare i primi trial clinici su volontari umani. La Vertex Pharmaceuticals ha raccolto la sfida e gli studi continuano: dureranno altri cinque anni, e coinvolgeranno 17 volontari affetti da diabete di tipo 1 in forma grave. L’azienda non ha ancora annunciato il costo del trattamento, che sarà probabilmente piuttosto elevato.

Rischi e benefici. Dopo il trattamento Shelton non deve più sottoporsi a iniezioni di insulina ma dovrà assumere per il resto della vita dei farmaci immunosoppressori che impediscano al suo sistema immunitario di rigettare le cellule infuse. In tal proposito, «dobbiamo valutare attentamente il rapporto rischi-benefici tra la malattia e le potenziali complicazioni che potrebbero derivare dai farmaci immunosoppressori», avverte John Buse, diabetologo all’università del North Carolina.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews