lunedì, Gennaio 24, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareAdditivi alimentari: la carbossimetilcellulosa altera il microbiota intestinale

Additivi alimentari: la carbossimetilcellulosa altera il microbiota intestinale

A proposito di additivi alimentari: uno studio sostiene che la carbossimetilcellulosa (E466) alteri il microbiota intestinale.

  • Home
  • Notizie
  • Additivi alimentari: la carbossimetilcellulosa altera il microbiota intestinale

Torniamo a parlare di additivi alimentari perché pare che la carbossimetilcellulosa possa alterare il microbiota intestinale. A dirlo è uno studio pubblicato recentemente su Gastroenterology, anche se già in passato, nel 2016, uno studio realizzato dal Georgia State University’s Institute for Biomedical Sciences e pubblicato sulla rivista Cancer Research aveva sottolineato come il consumo regolare di carbossimetilcellulosa e di polisorbato 80 provocasse infiammazione intestinale e insorgenza di tumori al colon nei ratti, il tutto modificando la flora batterica intestinale.

La carbossimetilcellulosa, nota anche come E466, è un additivo alimentare usato come addensante, emulsionante e stabilizzante in molti prodotti alimentari fra cui anche bevande, prodotti da forno, latticini, dessert e prodotti a base di carne.

scienziati

Il suo impatto sulla salute umana a lungo termine non era ancora stato studiato (gli studi precedenti, infatti, interessavano i ratti). Ecco che però, adesso, lo studio realizzato da un team di scienziati dell’Istituto della Georgia State University di Scienze Biomediche, dall’INSERM (Francia) e dall’Univrsità della Pennsylvania (con contributi arrivati anche dai ricercatori della Penn State University e dal Max Planck Institute in Germania), ha permesso di scoprire che la carbossimeticellulusa può alterare i livelli di batteri benefici dell’intestino, modificando anche il microbiota intestinale.

I ricercatori hanno spiegato che si pensava che la CMC fosse sicura da ingerire in quanto veniva eliminata con le feci senza essere assorbita. Ma forse non è proprio così. Lo studio ha messo a confronto due gruppi di volontari: a uno veniva data un’alimentazione senza additivi alimentari e a un altro una uguale, ma integrata con CMC per due settimane.

Successivamente i ricercatori hanno valutato i livelli di batteri e metaboliti intestinali, eseguendo colonscopie all’inizio e alla fine dello studio. Si è così visto che i volontari che mangiavano CMC avevano un maggior senso di fastidio postprandiale. Ma non solo: la composizione del loro microbiota intestinale era cambiata, con riduzione della biodiversità.

Inoltre variavano anche i metaboliti intestinali: chi consumava CMC aveva una netta riduzione degli acidi grassi a catena corta e degli aminoacidi. Ovviamente dopo solo due settimane di questo tipo di alimentazione non è stata notata nessuna malattia, ma l’ipotesi è che un consumo sul lungo periodo dell’E466 potrebbe scatenare malattie infiammatorie croniche anche negli esseri umani.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews