martedì, Gennaio 25, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareNasce il comitato dei Super Tuscans per tutelarne storia e valore

Nasce il comitato dei Super Tuscans per tutelarne storia e valore

Ascolta la versione audio dell’articolo

I rossi “supertuscan” rialzano la testa, per ricordare al mercato che sono stati loro – negli anni Settanta e soprattutto Ottanta del secolo scorso – a imboccare per primi in Toscana la strada dell’alta qualità, catturando l’attenzione degli operatori mondiali del settore e contribuendo alla rinascita del vino italiano.

La rivoluzione partì dal territorio del Chianti Classico, perché è lì che i produttori scelsero di rinunciare a utilizzare la Doc esistente, con i suoi vincoli di varietà di uve e di affinamenti, scommettendo su “vini da tavola” che puntavano all’eccellenza, e che avevano un prezzo di gran lunga superiore ai vini della denominazione (a Bolgheri invece, dove nacque il prezioso Sassicaia, all’epoca non esisteva alcuna Doc). Fu la stampa anglosassone, verso la metà degli anni Ottanta, a coniare il nome “supertuscan” dando riconoscimento e valore a un fenomeno che oggi appare un po’ dimenticato.

È anche per questo che i 16 produttori chiantigiani che per primi crearono questi vini si sono uniti in un’associazione – Comitato Historical Super Tuscans, il cui fondatore d’onore è Piero Antinori, presidente Paolo Panerai, vicepresidente Davide Profeti – che vuol preservare e valorizzare quell’esperienza, per farla diventare storia. E vuol tornare a promuovere i vini ’supertuscan’ grazie a un accordo con Banca Intesa Sanpaolo che assicurerà consulenza e servizi finanziari.

Alcuni dei fondatori di Historical Super Tuscan

I 16 soci fondatori dell’associazione (produttori di ’supertuscan’ prima del 1994, quando nacque l’Igt Toscana sotto cui oggi si presentano al mercato) sono San Felice, Antinori, Montevertine, Castello di Monsanto, Castellare di Castellina, Isole e Olena, Badia a Coltibuono, Querciabella, Castello di Fonterutoli, A&G Folonari, Riecine, Felsina, Castello di Volpaia, Castello di Ama, Castello di Albola e Brancaia.

Tra i ’supertuscan’ creati da queste aziende ci sono nomi come il Tignanello (1971, Antinori), le Pergole Torte (1970, Montevertine), Concerto (1981, Castello di Fonterutoli), L’Apparita (1985, Castello di Ama), Brancaia il Blu (1988, Brancaia).
L’associazione, presentata a Firenze, si dichiara aperta all’ingresso di altri produttori. «L’obiettivo è far conoscere questa storia unica – ha detto Panerai – i ’supertuscan’ non sono una denominazione di legge ma una denominazione di mercato e hanno stimolato la modifica del disciplinare del Chianti Classico che ha consentito di affiancare ai vitigni locali i vitigni internazionali».

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews